Nuovo regime dei minimi: cosa e come cambia

Re: Nuovo regime dei minimi: cosa e come cambia

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 19/12/2014, 17:54

Regime dei Minimi: nel 2015 3mila euro in meno per i tecnici under 40

Il Regime dei Minimi sarà un vero e proprio Pacco di Natale, soprattutto per i liberi professionisti dell’area tecnica under 40, il cui reddito disponibile annuo diminuirà di 3.000 euro nel corso del 2015. Questo dato drammatico emerge da una simulazione condotta da Confprofessioni Lazio, la Confederazione italiana delle libere professioni, sui dati forniti dall’associazione nazionale delle casse di previdenza private (Adepp).
Stiamo parlando di un incremento della tassazione sui redditi dell’ordine del +500%: un’enormità. ...
Allegati
Minimi.JPG
Minimi.JPG (59.59 KiB) Osservato 1519 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: Nuovo regime dei minimi: cosa e come cambia

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 17/12/2014, 1:04

Mi consolo. Sono da sempre in regime ordianario.

Da Le legge per tutti, 15/12/2014:

Perché conviene aprire una partita IVA entro dicembre

Dal primo gennaio, entrare nel regime a forfait dei minimi non sarà più conveniente come oggi: corsa per l’imposta al 5%. State ben attenti: se aprite una partita IVA entro il 31 dicembre 2014 potrete ancora godere della possibilità di entrare nel regime fiscale agevolato dei “vecchi minimi”, pagando cioè un’imposta unica “a forfait” del 5% sul reddito. Un trattamento di estremo favore, riservato, però, ancora per pochi giorni soltanto. Infatti, dal nuovo anno, cambierà il regime dei “minimi” e l’aliquota passerà al 15%: in buona sostanza si pagherà ben tre volte in più di tasse. Il regime dei minimi, come noto, è riservato a quelle partite IVA che hanno un limitato volume d’affari. Ad oggi, infatti, può beneficiare di tale trattamento chi presenta i seguenti requisiti dimensionali: – ricavi o compensi complessivi percepiti nell’attività professionale o d’impresa non superiori a € 30.000 per anno – acquisti di beni strumentali, nel triennio precedente, non superiori a € 15.000. Oltre all’imposta sostitutiva al 5%, chi è nel regime dei minimi è esonerato: dal versamento dell’IVA, dalla registrazione delle fatture emesse; dalla tenuta e conservazione dei registri e dei documenti (salvo che per le fatture di acquisto e le bollette doganali); dalla presentazione degli studi di settore; dalla comunicazione annuale IVA. - See more at: http://www.laleggepertutti.it/60566_per ... Rxyp6.dpuf
...


Tra circa 10 giorni lavorativi, però, tutto questo potrebbe cambiare. Difatti la nuova legge di Stabilità per il 2015 prevede una riforma integrale del regime dei minimi (leggi “Minimi: le nuove regole”). Il che sta spingendo imprenditori, professionisti e autonomi ad aprire, entro fine anno, una partita IVA per rientrare ancora del vecchio sistema. Secondo, infatti una proiezione dell’Osservatorio permanente del Cna, con le nuove regole, dal prossimo anno potrebbe essere addirittura più conveniente rientrare nel regime ordinario di tassazione - See more at: http://www.laleggepertutti.it/60566_per ... Rxyp6.dpuf ..
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: Nuovo regime dei minimi: cosa e come cambia

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 11/12/2014, 23:19

Da http://it.blastingnews.com/, 11/12/2014

Regime dei minimi 2015, professionisti e lavoratori intellettuali in rivolta: una mazzata

Con le regole del nuovo regime dei minimi 2015, molti professionisti, consulenti e free lance si dicono costretti al ko.

Prosegue il dibattito sul regime dei minimi 2015 e sulle nuove modifiche introdotte dal legislatore con il passaggio della legge di stabilità alla Camera. Ad essere particolarmente allarmati sulle condizioni che potrebbero presto soppiantare il vecchio regime sono professionisti, consulenti, free lance e in particolare quei lavoratori intellettuali che fino ad oggi hanno potuto usufruire di un fisco più leggero. Nella pratica, con le nuove regole il limite di fatturato per i soggetti appena citati scenderà drasticamente dai 30.000 € annui ad appena 15.000 €; ma come se questo non bastasse, aumenterà notevolmente anche l'imposta sostitutiva dell'Irpef e degli altri orpelli fiscali, che addirittura triplicherà dal 5% al 15%. Un mix potenzialmente esplosivo che molti lavoratori potrebbero non riuscire a reggere, tanto che in parecchi hanno già espresso l'idea di chiudere definitivamente la partita Iva nei commenti relativi ai nostri precedenti articoli sull'argomento.

Il comitato nazionale degli ingegneri: "una mazzata" sulle spalle dei lavoratori intellettuali ...


Novità Partita Iva: tutti gli articoli pubblicati
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Nuovo regime dei minimi: cosa e come cambia

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 11/12/2014, 23:14

Un intervento critico sul sito di ACTA, 23/10/2014, di Anna Soru sulle novità previste
sul regime dei minimi da parte del Governo

Nuovo regime dei minimi: una beffa per i freelance?
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Precedente

Torna a Professione archivista

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron