ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Re: ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 27/07/2018, 0:02

FPA Digital360, 18/07/2018, Mariella Guercio, presidente ANAI e advisor Cantiere Documenti digitali

Libro Bianco, Guercio: "Perché queste raccomandazioni sui documenti sono importanti"

Il capitolo che il Libro Bianco sull'innovazone della PA, pubblicato da FPA, dedica alla gestione documentale affronta i due ambiti tecnici di riferimento, la formazione dei documenti digitali e la loro tenuta nel tempo, concentrando l’attenzione quasi esclusivamente sui nodi organizzativi e richiamando l’attenzione sulla necessità di garantire coerenza e forza alle attività di coordinamento e collaborazione
...
Coerentemente con le riflessioni ora sottolineate, il capitolo che il Libro Bianco sull'innovazone della PA, pubblicato da FPA, dedica alla gestione documentale affronta i due ambiti tecnici di riferimento, la formazione dei documenti digitali e la loro tenuta nel tempo, concentrando l’attenzione quasi esclusivamente sui nodi organizzativi e richiamando l’attenzione sulla necessità di garantire coerenza e forza alle attività di coordinamento e collaborazione. Mettere intorno a un tavolo operativo le istituzioni competenti è senza dubbio il primo passo da compiere (raccomandazione 2.5c), a partire da un quadro normativo che deve al più presto stabilizzarsi (raccomandazione2.5d). E’ ad esempio auspicabile che le linee guida che, in base al dlgs 217/2017 correttivo del CAD, devono a breve sostituire le regole tecniche, si limitino a intervenire solo sugli aspetti che richiedono aggiornamenti, lasciando le iniziative più impegnative di ridefinizione dei modelli e delle responsabilità al confronto istituzionale di cui si è detto.
...
Il modello definito negli anni passati (2007-2013) costituisce un punto di partenza e non di arrivo, come riconosciuto recentemente dallo stesso legislatore. Lo confermano del resto i continui interventi sugli articoli 43 e 44 del CAD, ad esempio nei decreti correttivi del CAD del 2016 e del 2017, ma anche le iniziative sostenute nel Piano triennale in materia di poli di conservazione. E’ a questo proposito necessario, anzi urgente, ripensare i modelli organizzativi che guidano le attività di archiviazione (raccomandazione 2.5a) al fine di evitare che l’enorme quantità di informazioni, dati e documenti prodotti finiscano per costituire solo un peso per la comunità nazionale, che - in assenza di quadro chiaro e coordinato di responsabilità per la vigilanza e di regole per la gestione degli archivi ibridi e per la selezione e scarto - si ritroverà molto presto con grandi quantità di risorse digitali irrilevanti conservate, avendo contemporaneamente perso il controllo sulla gestione conservativa dei propri archivi e delle memorie degne di essere trasmesse alle generazioni future.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5253
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 30/06/2018, 0:28

FPA newsletter, n° 566 del 28 giugno 2018

“Libro bianco sull’innovazione della PA”: aperta da oggi la consultazione pubblica
Edit on GitHub

Ci siamo: come avevamo annunciato in un editoriale di fine maggio mettiamo da oggi on line in consultazione pubblica il nostro (e vostro) “Libro bianco sull’innovazione della PA”, tassello centrale di un percorso collaborativo avviato alla fine dello scorso anno e che porteremo avanti anche nei prossimi mesi. La consultazione on line resterà aperta fino al 15 settembre, dopodiché la versione del Libro bianco integrata con i vostri commenti sarà portata all'attenzione del governo. In questo articolo vi spieghiamo meglio la struttura del documento e il percorso che ci ha portati fino qui.
*
Allegati
imago274.JPG
imago274.JPG (53.56 KiB) Osservato 229 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5253
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 25/05/2018, 0:26

ForumPA, 24/05/2018

FORUM PA 2018, nell'ultima giornata un appello al Governo: “Serve un Ministro del futuro”

Dopo 237 incontri, tra laboratori, convegni e momenti di lavoro collaborativo, con quasi 16mila partecipanti, si è chiusa oggi la 29esima edizione di FORUM PA: tre giorni di intensa partecipazione da parte di rappresentanti della PA centrale e locale, operatori qualificati e dirigenti delle principali aziende tecnologiche. Al centro del confronto, i temi strategici per l’agenda politica del Paese e quelli di frontiera del digitale, come l’agenda urbana condivisa, il lavoro pubblico, la programmazione europea post 2020, la gestione, analisi e integrazione dei dati, la sicurezza ICT, la blockchain, la connettività e il 5G, l’internet of things e l’intelligenza artificiale.
Come esito dei lavori di FORUM PA 2018, tra venti giorni realizzeremo un “Libro Bianco per l’innovazione” che sarà messo a disposizione del governo. Da domani, intanto, partirà la rubrica “Caro governo”, in cui le voci dei diversi partecipanti a FORUM PA stimoleranno i rappresentanti della nuova amministrazione sui temi dell’innovazione sistemica.

"FORUM PA 2018 è stato un grande momento di lavoro collaborativo e aperto, da cui sono emersi alcuni messaggi chiave che saranno contenuti e approfonditi nel Libro Bianco per l’innovazione per il governo". Questa la sintesi di Carlo Mochi Sismondi che ha aggiunto: "È necessario che la politica si impossessi di una visione organica del futuro, in grado di guidare l’Italia a un progetto di Paese verso il 2030, compatibile con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile ONU. Per questo è necessario immaginare e progettare una PA rinnovata e aperta alla collaborazione con i territori, le imprese, le istituzioni. L’innovazione digitale rappresenta non un settore o una politica specifica, ma l’unica vera piattaforma abilitante”.

Un messaggio forte, da cui deriva anche la proposta di FORUM PA al governo in formazione: “Serve un Ministro del futuro – ha sottolineato Gianni Dominici – a cui affidare la costruzione di un progetto di futuro condiviso e partecipato per orientare le scelte di singoli, famiglie e aziende verso uno traguardo comune. L’unico modo per valorizzare le energie vitali del nostro paese è lavorare insieme sugli obiettivi e gli strumenti per raggiungerli. Un ruolo fondamentale spetta ai processi di Digital Transformation che devono investire trasversalmente tutte le attività del paese: non possiamo continuare ad essere il fanalino di coda dell’Europa tecnologica, come dimostra l’indicatore DESI (Digital Economy and Society Index)”.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5253
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 23/05/2018, 1:03

Allegati
imago252.JPG
imago252.JPG (97.8 KiB) Osservato 433 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5253
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 17/05/2018, 10:43

FORUM PA 2018 (22-24 maggio): Programma in continuo aggiornamento

#ForumPA2018
@FPA_net

FPA S.r.l. – Via Alberico II, 33 – 00193 Roma – tel. 06/684251 – fax 06/68802433
Codice Fiscale/Partita IVA n. 10693191008 - R.E.A. Roma n. 1249791 - info@forumpa.it
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5253
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 14/05/2018, 9:04

22 maggio, 2018 da 09:30 a 11:30
#FORUMPA2018 - @FPA_net

La gestione documentale alla luce delle nuove norme

TRASFORMAZIONE DIGITALE DELLA PA
Sono tre le dimensioni a cui possiamo ricondurre le novità in materia di digitalizzazione della gestione documentale nell'ultimo anno: normativa, con la riedizione del codice dell'amministrazione digitale; tecnica, con la pubblicazione del Piano triennale che ha costretto le istituzioni, le imprese e gli esperti ad affrontare temi che sembravano definiti e consolidati; organizzativa.

imago240.JPG
imago240.JPG (16.87 KiB) Osservato 560 volte

Oggi sono ancora poche le pubbliche amministrazioni che hanno definito piani concreti finalizzati a rendere operativa una sistematica trasformazione digitale delle loro attività e della produzione documentaria che ne deriva. Non si è ancora consapevoli del difficile livello di sostenibilità economica di alcune soluzioni e della immaturità delle piattaforme e delle infrastrutture digitali disponibili. Le risposte che il legislatore ha dato nell'ultimo anno riusciranno a trasformarsi in azioni sistemiche di innovazione? Da una parte abbiamo buoni esempi che intervengono a consolidare quanto di buono è stato fatto, pensiamo alla circolare 2/2017 del ministro per la semplificazione e la p.a. per l’attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato (c.d. FOIA). Dall'altra però ci sono anche iniziative, come il Sistema di ricerca documentale proposto all' art.40-ter del Cad, prive di riscontri tecnici e garanzie.

Una trasformazione digitale della PA per essere sostenibile e di successo non si consolida né si rafforza con interventi forzati ed estemporanei, ma richiede monitoraggio, reti di collaborazione, forme di cooperazione.

Mariella Guercio
Presidente - Associazione nazionale archivistica italiana - Anai
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5253
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

ForumPA 2018: trasformazione digitale della PA

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 11/05/2018, 2:20

#FORUMPA2018 - @FPA_net

La trasformazione digitale della PA: il percorso a FORUM PA 2018

Dalle novità introdotte con il Piano Triennale dell’Informatica nella PA all’effettivo utilizzo dei servizi on line da parte dei cittadini per arrivare a temi di frontiera, come l’Intelligenza Artificiale. Sono tanti gli aspetti che a FORUM PA 2018 saranno approfonditi all’interno di eventi e incontri che possiamo ricondurre sotto la voce “trasformazione digitale della PA”.

Partiamo dal modello evolutivo del sistema informativo della PA, delineato dal Piano triennale per l’informatica pubblica, imperniato su alcuni pillar di particolare rilevanza strategica, tra cui: il consolidamento del patrimonio informativo della PA, la più efficiente gestione delle risorse per l’ICT, l’adozione di nuovi modelli per la governance del cambiamento. In quest’ambito ecco alcuni appuntamenti di assoluto rilievo, molti dei quali realizzati in collaborazione con AgID, l’Agenzia per l’Italia Digitale che nel percorso di attuazione della “Strategia italiana per la crescita digitale 2014-2020” ha lavorato all’attuazione dei principali progetti e ha introdotto importanti novità anche nella governance dell’innovazione.

In questo percorso mettiamo in evidenza per primo il convegno di scenario del 24 maggio
“L’Agenda digitale italiana verso gli obiettivi di Eu2020”
che si aprirà con un keynote di Antonio Samaritani, Direttore Generale dell’ Agenzia per l’Italia Digitale, e che vedrà un’importante tavola rotonda tra Regioni, Province e Aziende sullo stato dell’Agenda digitale.

imago239.JPG
imago239.JPG (26.93 KiB) Osservato 560 volte

Ma andiamo per ordine. Nella giornata inaugurale, il 22 maggio, segnaliamo questi appuntamenti:
“Esperienze e modelli di Interoperabilità”,
che farà il punto sull’attuazione del nuovo modello basato sull’approccio API first ed esaminerà le recentissime linee guida sull’interoperabilità;
La gestione documentale alla luce delle nuove norme nel quale si affronteranno le criticità emerse nelle pubbliche amministrazioni nel definire una strategia operativa per la trasformazione digitale delle loro attività e della loro produzione documentaria;
“Sistema Open Data: esperienze italiane verso una strategia nazionale. Modelli organizzativi, comunità e valore economico e sociale dei dati aperti”,
con il contributo di referenti del mondo pubblico ed esperti in materia di Open Data, per riflettere sul ruolo dei dati aperti nel rendere effettivo il Sistema Informativo Pubblico, riconosciuto dal Piano Triennale dell’Informatica nella PA 2017-2019.

Sempre sull’evoluzione del sistema informativo della PA, diversi appuntamenti sono in programma il 23 maggio: il convegno di scenario
“Costruire il Sistema operativo del Paese”
che metterà a confronto i responsabili pubblici delle politiche d’innovazione, le migliori amministrazioni centrali e locali, l’accademia e le aziende; l’incontro
“Impatti organizzativi della Digital Transformation”
che vedrà la partecipazione di esponenti di vertice della Corte dei Conti, del Team Digitale e della Scuola Nazionale dell’Amministrazione per riflettere sulle possibili sinergie tra componente tecnologica e organizzativa per abilitare la digital transformation degli enti pubblici. E ancora:
“Razionalizzazione dell’Infrastruttura tecnologica”,
che sarà un momento di confronto sui nodi ancora da sciogliere lungo il percorso di attuazione del Piano triennale di AgID, il modello strategico evolutivo di cloud della PA e la razionalizzazione dei data center pubblici come elementi cardine della strategia digitale italiana; “Data & Analytics Framework per un nuovo modello di gestione dei dati: stato dell’arte e prime esperienze” per riflettere sul processo di apertura, razionalizzazione e valorizzazione dei dati detenuti e prodotti dalle Pubbliche Amministrazione.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5253
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18


Torna a Mostre, conferenze, convegni e presentazioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron