Manifesto contro il "caos" nei Beni Culturali

Immagine Feed RSS

Re: Manifesto contro il "caos" nei Beni Culturali

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 10/02/2018, 22:19

Primaonline, Ntalia Lombardo, 08/02/2018

Critica totale da sovrintendenti ed esperti alla riforma dei Beni Culturali del ministro Franceschini

Archeologi, storici dell’arte, sovrintendenti, architetti, in cento esperti lanciano un allarme per l’Emergenza cultura, con un programma di cose urgenti da fare come promemoria per il nuovo governo. Il punto di partenza è la critica totale alla riforma del sistema Beni Culturali attuata dal ministro Dario Franceschini, e la contestazione dei dati che lui stesso presenta sull’aumento di fruizione dei musei italiani. Prima richiesta, quindi, “ridare la gestione dei musei alle sovrintendenze con una loro autonomia, per garantire la tutela e la sicurezza”.

imago124.JPG
imago124.JPG (29.42 KiB) Osservato 385 volte

Nomi non da poco: Vittorio Emiliani, Adriano La Regina, ex sovrintendente archeologico di Roma, Paolo Berdini, ex assessore all’urbanistica del Comune di Roma, Tomaso Montanari e l’archeologo Paolo Liverani. E i sovrintendenti che si dicono “imbavagliati” dalle regole del Mibac per cui non possono fare dichiarazioni, come per la Rai.
...
Sotto accusa quelle che Vittorio Emiliani chiama “veline” del ministero sui “dati strabilianti” sui visitatori museali, considerati “gonfiati”. Uno per tutti quelli del Pantheon che sarebbero cresciuti del 71% dal 2010 al 2017 che “sarebbero circa 22mila visitatori al giorno calcolati senza distinguere tra fedeli, abitanti e turisti”, dice Emiliani. Fari accesi invece sui siti che restano senza tutela, anche quelli colpiti dal terremoto in Umbria e nelle Marche, o gli archivi e le biblioteche abbandonati per mancanza di personale.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5182
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Manifesto contro il "caos" nei Beni Culturali

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 04/02/2018, 1:38

#EmergenzaCultura informa, tramite suo comunicato, che giovedì 8 Febbraio 2018 incontrerà i giornalisti in conferenza stampa presso la Sala della Stampa Estera
*
Allegati
imago118.JPG
imago118.JPG (61.92 KiB) Osservato 461 volte
imago119.JPG
imago119.JPG (78.46 KiB) Osservato 461 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5182
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Manifesto contro il "caos" nei Beni Culturali

Messaggioda Bernardino » 01/02/2018, 21:44

Beni Culturali, basta con questo caos!
Un numeroso gruppo di autorevoli intellettuali e soprintendenti lancia un allarmato appello: questo prezioso settore è allo stremo, i finanziamenti sono al minimo, il personale insufficiente, non si pensa più alla tutela.
Una pesante critica al ministro Dario Franceschini:
Appello di intellettuali ed ex soprintendenti e direttori

Dall'articolo di Carlo Clericetti (da repubblica.it e micromega):
"...ancora più preoccupanti sono le linee strutturali della politica degli ultimi anni, come “la sottomissione delle Soprintendenze, decisamente indebolite, ad un organo di governo locale come la Prefettura”. E qui, dietro Franceschini, si intravvede l’ombra di Matteo Renzi. Nel manifesto non ve n’è nessun accenno, per capirlo bisogna leggere il libro recentemente pubblicato da uno dei promotori, Vittorio Emiliani (Lo sfascio del Belpaese. Beni culturali e paesaggio da Berlusconi a Renzi – ed. Solfanelli), dove si parla dell’insofferenza – per usare un eufemismo – del segretario del Pd per le Soprintendenze. Nel libro, come annuncia il titolo, si ripercorre la storia di questi anni drammatici per il nostro patrimonio culturale e paesaggistico. La gestione di Sandro Bondi è stata così disastrosa che era difficile fare peggio, ma – secondo Emiliani – Franceschini è riuscito in questa ardua impresa. Vale la pena di leggere il libro per la puntigliosa descrizione, settore per settore, di tutti i danni perpetrati. Dal consumo di suolo all’indifferenza per la mancata elaborazione dei piani paesaggistici da parte delle Regioni (solo 3 su 20 sono in regola), dall’abbandono del patrimonio archivistico e delle biblioteche alle carenze di un personale con un’età media intorno ai 55 anni e dove i trentenni non arrivano al 2%."
Bernardino
Socio ANAI
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 25/02/2009, 17:22
Località: Bergamo


Torna a News ultima ora

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron