Commento al codice dei beni culturali e del paesaggio

Re: Commento al codice dei beni culturali e del paesaggio

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 03/03/2019, 2:01

Ddl Deleghe, ecco il testo di riforma del Codice dei beni culturali e paesaggio

Il provvedimento contiene una delega di due anni per la riscrittura del Codice

Il Governo ha approvato in Consiglio dei ministri un nuovo disegno di legge delega che contiene la riforma del codice dei Beni culturali e quella del codice dello Spettacolo. Una delega di due anni entro cui l’esecutivo potrà adottare uno o più decreti legislativi da sottoporre al parere del Parlamento. Si tratta di un testo nuovo rispetto a quello approvato il 12 dicembre scorso che prevedeva un pacchetto unico contenente deleghe su molti settori. Secondo il ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, il nuovo testo più snello potrà ora procedere più spedito.
Per quanto riguarda il Codice dei Beni culturali, nell’adottare i decreti legislativi il governo dovrà attenersi a questi principi e criteri direttivi generali:
a) coordinare sotto il profilo formale e sostanziale il testo delle disposizioni legislative vigenti anche di recepimento e attuazione della normativa europea, anche apportando le opportune modifiche volte a garantire o migliorare la coerenza giuridica, logica e sistematica della normativa, intervenendo mediante novellazione e aggiornamento dei codici di settore;
b) adeguare, aggiornare e semplificare il linguaggio normativo;
c) indicare esplicitamente le norme da abrogare, fatta salva comunque l’applicazione dell’articolo 15 delle disposizioni sulla legge in generale premesse al codice civile;
d) assicurare l’unicità, la contestualità, la completezza, la chiarezza e la semplicità della disciplina relativa a ogni attività o gruppi di attività.
...
p) prevedere l’obbligo di procedere al monitoraggio e al controllo telematico a consuntivo del rispetto dei tempi di conclusione dei procedimenti, anche al fine di permettere:
1) l’immediata verifica dell’efficacia, anche in termini di risultati ottenuti, delle soluzioni organizzative adottate e la rilevazione di eventuali anomalie;
2) la confrontabilità dei risultati organizzativi da parte delle diverse amministrazioni operanti sul territorio con le stesse competenze, attraverso la pubblicazione sui siti istituzionali di ciascuna amministrazione delle informazioni relative ai tempi di conclusione dei procedimenti;
3) l’adozione di misure di intervento, anche di tipo reputazionale, risarcitorio e, se del caso, disciplinare, in relazione al numero di procedimenti conclusi e al rispetto dei tempi previsti;
q) prevedere che, per gli atti normativi di iniziativa governativa, il costo derivante dall’introduzione di oneri regolatori, inclusi quelli informativi e amministrativi ed esclusi quelli che costituiscono livelli minimi per l’attuazione della regolazione europea, qualora non compensato con una riduzione stimata di oneri di pari valore, sia qualificato di regola come onere fiscalmente detraibile.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Commento al codice dei beni culturali e del paesaggio

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 27/06/2014, 2:52

Codice della PA DIGITALE

Commento al D.Lgs. 82/2005 dopo le modifiche apportate.
Realizzato dal Digital&Law Department Studio Legale Lisi col patrocinio di ANORC e FORUM PA.
Scaricabile gratuitamente per un'agile consultazione e comprensione delle norme contenute nel CAD.

Ridurre la digitalizzazione della pa ad una questione giuridica è un pericolo concreto dal quale occorre guardarsi, ma è altrettanto vero che sperare che il sogno di una PA senza carta si possa attuare senza la certezza del diritto è quanto minimo ingenuo.

Realizzato dal ...
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Commento al codice dei beni culturali e del paesaggio

Messaggioda Bernardino » 13/07/2009, 14:53

Vi segnalo il seguente libro:
Aa.Vv. "Codice commentato dei beni culturali e del paesaggio"
Sistemi Editoriali, pp. 944 con cd-rom, euro 65
Testo spiegato e commentato articolo per articolo del Codice dei Beni Culturali e del paesaggio (D. Lgs. 22-01-2004 n. 42), con modifiche e decreti legislativi sui beni culturali (156/2006 e 62/2008) e sui beni paesaggistici (157/2006 e 63/2008).
Nel cd-rom, oltre ai testi delle leggi, vi è un elenco dei principali musei nazionali ed esteri.
Bernardino
Socio ANAI
 
Messaggi: 163
Iscritto il: 25/02/2009, 17:22
Località: Bergamo


Torna a Pubblicazioni e recensioni opere e testi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti