Giustizia digitale: tappe e intoppi

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 20/07/2018, 13:35

AteneoWeb, 19/07/2019, Studio Custodi Lodi

Metodo alternativo per consultare in forma anonima i registri di cancelleria

A partire da aprile 2014 il Ministero della Giustizia, tramite il portale PST, ha reso disponibile un utile servizio di consultazione anonima dei registri di cancelleria.

Nell'ambito del processo civile telematico (PCT), tale servizio consente l'accesso autonomo e gratuito online, a chiunque (non solo i legali, ma i privati cittadini, gli enti, le aziende), ai fascicoli dei procedimenti.

Attraverso il Portale dei Servizi telematici è possibile consultare, in forma anonima, l'archivio dei fascicoli presenti nei registri di cancelleria delle varie autorità: Tribunali Ordinari, Corti d'Appello, Giudice di pace, Corte di Cassazione e prendere conoscenza dello stato del contenzioso.

L'accesso al servizio è in forma anonima e pertanto non serve alcuna autenticazione.
Purtroppo, ormai da 5 mesi la consultazione anonima degli archivi, attraverso il sito pst.giustizia.it non è disponibile

La consultazione anonima dei registri di cancelleria è momentaneamente sospesa per programmate attività di manutenzione.
Si riserva di comunicare il riavvio.
*
imago286.JPG
imago286.JPG (29.13 KiB) Osservato 39 volte

Consigliamo agli utenti interessati un accesso alternativo, tramite l'app mobile Giustizia Civile.
Per utilizzare il servizio, sempre in forma anonima, occorre
scaricare sul proprio dispositivo mobile (smartphone o tablet) l'app mobile Giustizia Civile
installare l'applicazione ed iniziare a navigare
il tutto in modo analogo a quanto avveniva con il sito internet.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 12/01/2018, 1:39

Parer, 08/01/2018

Giustizia digitale, a che punto siamo: i 5 processi telematici al confronto

Agenda Digitale dedica un dossier ai processi di riforma delle diverse tipologie di processi. L’esistenza di regole specifiche per ogni singolo ambito non funziona, scrive Valentina Carollo, invocando una inversione di rotta all’insegna di una maggiore interoperabilità

Amministrativo, Civile, Contabile, Penale e Tributario: per ognuna di queste tipologie di processo in Italia esistono specifiche regole di digitalizzazione e, secondo gli esponenti del Centro Studi Processo Telematico, è proprio questa la causa principale che ancora oggi frena le politiche di riforma nel settore.

imago104.JPG
imago104.JPG (22.38 KiB) Osservato 489 volte

È questo il succo di un dossier sullo stato dell’arte della giustizia digitale in Italia, pubblicato a fine anno su Agenda Digitale, e consistente in cinque affondi sui singoli processi ai quali fa da cappello e introduzione una riflessione preliminare a firma di Valentina Carollo, Presidente del Centro Studi. “L’analisi di questi cinque processi telematici – si legge in questo primo articolo – conduce ad una ineluttabile conseguenza: dal punto di vista della normativa tecnica ogni processo telematico è costruito con le proprie peculiari regole e le proprie specialità e dipende da Autorità differenti che difficilmente riescono a uniformarsi. Siamo sicuri che questa sia la strada corretta da seguire? La risposta a questo interrogativo non può che essere negativa”.

imago102.JPG
imago102.JPG (33.99 KiB) Osservato 514 volte

In un mondo in continua evoluzione – prosegue la Carollo – dove la regola posta alla base dell’innovazione è la semplificazione dei processi, caratterizzata dall’unità delle procedure, nel processo telematico si sta andando nella direzione totalmente sbagliata. Questa disamina, basata su un lavoro del Centro Studi Processo Telematico – la prima ed unica nel suo genere – vuole porre l’attenzione su questo caotico e, spesso, incomprensibile quadro normativo e regolamentare relativo al processo telematico, con l’auspicio che, finalmente, vi sia un’inversione di rotta.

I cinque processi telematici a confronto
Il Processo Civile Telematico
Il Processo Amministrativo Telematico
Il processo Tributario Telematico
Il Processo Contabile Telematico
Il Processo Penale Telematico
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 11/10/2017, 0:44

Agenda digitale, 10/10/2017, Valentina Carollo, Presidente Centro Studi Processo Telematico

Processo civile e penale telematico, tutte le novità

Il processo telematico sta evolvendo velocemente. Ora l’apparato normativo-burocratico del nostro Paese dovrà adeguarsi con una semplificazione netta dei processi che segua l’evoluzione digitale.La riforma del codice di procedura civile, in esame al Senato, sarà il primo passo in questa direzione

La Commissione parlamentare di inchiesta sul livello di digitalizzazione e innovazione delle pubbliche amministrazioni ha svolto l’audizione del Direttore generale dei sistemi informativi automatizzati del Ministero della Giustizia, Pasquale Liccardo, il 14 e 21 settembre.

L’audizione, disponibile in video sul sito webtv della Camera, è un’ottima occasione per fare il punto sul Processo Civile e Penale Telematico e trattare alcune importanti anticipazioni.
*
...
Per quanto riguarda il sistema delle notifiche a mezzo PEC, il problema che rimane irrisolto è quello relativo alle notifiche verso le Pubbliche Amministrazioni. Dagli ultimi dati disponibili sono solo il 63% delle Pubbliche Amministrazioni che hanno comunicato il proprio indirizzo di posta elettronica certificata ai fini della notifica degli atti giudiziari. La comunicazione di questo indirizzo PEC non incide in realtà sulle comunicazioni di cancelleria nei confronti della PA in quanto l’art. 16 del D.L. 179 del 18 ottobre 2012, conv. con modificazioni, dalla L. n. 221 del 17 dicembre 2012 prevede che, se questo indirizzo non è stato comunicato, la notificazione o comunicazione è eseguita esclusivamente mediante deposito in cancelleria. La mancanza di questo indirizzo PEC nel Registro PPAA incide invece sulle notifiche a mezzo PEC degli avvocati. Se manca l’indirizzo PEC in questo registro, l’avvocato non può, infatti, notificare a mezzo PEC e deve procedere con le ordinarie modalità cartacee. Si sta pensando di risolvere questa problematica tramite una modifica normativa che vada incontro alle PA molto strutturate. Vedremo gli sviluppi nelle prossime novità normative quindi.

L’audizione è stata un’occasione, tra le altre cose, per fare il punto sul Processo Civile e Penale telematico, nonché sullo stato di attuazione del CAD anche al settore della Giustizia.

Sono emersi spunti decisamente interessanti che evidenziano come il processo telematico non si stia arrestando, ma come, anzi, si stia evolvendo in una chiara direzione: superare gli schemi passati e l’indeterminatezza futura con progetti pensati e costruiti sapientemente, nonché adeguatamente finanziati, orientati ad un futuro di giustizia efficace ed efficiente da tutti auspicato. Ora l’apparato normativo-burocratico del nostro Paese dovrà adeguarsi mediante una semplificazione netta dei processi che segua, coerentemente, l’evoluzione telematica; la riforma del codice di procedura civile, in corso di esame al Senato, non potrà essere che il primo passo in tal senso.
Allegati
Imago.JPG
Imago.JPG (26.48 KiB) Osservato 846 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 15/07/2017, 23:36

Agenda Digitale, 11/07/2017, Paola Conio, Senior Partner Studio Legale Leone

Processo telematico soffocato dal doppio binario carta-digitale

Ogni cambiamento implica inevitabili difficoltà, ma fare scudo alle novità non fa che frenare le innovazioni. E’ questo il caso della copia di cortesia nell’ambito del processo civile

Un processo, di qualsiasi tipo e natura sia, è una sequenza di eventi tra loro interconnessi e diretti verso un obiettivo finale. Meno lunghe, costose e complesse sono le fasi di attraversamento che conducono da un evento rilevante a quello successivo, più un processo è efficiente.

Per questa ragione l’idea del processo civile o amministrativo telematico è, sulla carta, assolutamente vincente e potenzialmente in grado di efficientare in modo estremamente significativo il sistema della giustizia, proprio attraverso la semplificazione e la conseguente compressione – in termini di tempi, costi ed effort – degli adempimenti da svolgere per poter avanzare speditamente verso l’obiettivo finale della definizione del giudizio.
...
Innanzitutto va osservato, in termini generali, che i sistemi informatici della giustizia amministrativa (PAT basato sul SIGA) e di quella civile (PCT) sono indipendenti, non hanno le stesse regole, non utilizzano i medesimi protocolli, non prevedono gli stessi adempimenti. Il che significa che un avvocato che si occupi sia di diritto amministrativo che di diritto civile deve dotarsi di interfacce diverse per i due processi, duplicare la formazione per la gestione delle stesse, seguire logiche differenti e svolgere adempimenti diversi, con conseguente moltiplicazione dei tempi, costi e degli sforzi necessari e con aumento esponenziale dei rischi di errore che, in questi ambiti, possono essere fatali.
...
Oggi la copia di cortesia nell’ambito del processo civile resiste comunque, non tanto perché se ne sostenga l’obbligatorietà (purtroppo espressamente prevista per il processo amministrativo) ma, come sopra accennato, perché se non la si deposita si ha un’ottima probabilità che i documenti solo in formato digitale non vengano letti dai giudici.

Ogni cambiamento porta con sé delle inevitabili difficoltà. Occorre studiare nuovi approcci, abituarsi a nuove modalità di svolgimento di attività ormai consolidate e la resistenza al cambiamento è uno dei freni principali al diffondersi delle innovazioni. Una riforma ha veramente successo soltanto nel caso in cui i soggetti che devono affrontare il cambiamento siano motivati a superare le iniziali, inevitabili difficoltà, animati dal convincimento che, nel medio lungo periodo, i benefici che saranno prodotti dal cambiamento surclasseranno di gran lunga gli sforzi profusi.

Se non verrà radicalmente mutato l’approccio degli operatori al tema della riforma nessuna norma sul processo telematico, per quanto perfetta, potrà mai incidere efficacemente sul sistema.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 20/04/2017, 12:39

Parer, 19/04/2017

Processo amministrativo telematico e copie cartacee d’obbligo e di cortesia:
i contenuti di alcuni recenti pronunciamenti


A inizio marzo, con due ordinanze, il Consiglio di Stato si è espresso in materia. Su LeggiOggi.it Elio Guarnaccia ha illustrato i loro contenuti e quelli di altre formulazioni a riguardo, oggetto di recente pubblicazione

Su LeggiOggi.it, Elio Guarnaccia ha illustrato i contenuti di due ordinanze in materia di deposito della copia cartacea d’obbligo e di quelle cartecee di cortesia nell’ambito del processo amministrativo telematico, emanate a inizio marzo dal Consiglio di Stato. Nello stesso articolo l’esperto ha citato anche altri recenti pronunciamenti in materia a opera dei Tar del Lazio e di Catania e dell’Unione Nazionale degli Avvocati Amministrativisti.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 02/02/2017, 13:13

E' in libreria il libro

Carmelo Giurdanella - Elio Guarnaccia
Il processo amministrativo telematico (PAT)

PAT.JPG
PAT.JPG (31.41 KiB) Osservato 1898 volte

Il 1° gennaio 2017 è entrato in vigore il processo amministrativo telematico, le cui regole tecnico-operative sono dettate dal D.P.C.M. 16 febbraio 2016, n. 40. La presente opera, con formulario e schede pratiche, è un supporto concreto all’attività di operatori, avvocati e pubbliche amministrazioni, una guida operativa per tutte le fasi telematiche del processo amministrativo, con particolare attenzione alle notifiche e ai depositi.

Il testo è aggiornato alle recenti novelle:
- i nuovi moduli di deposito ad uso degli avvocati, rilasciati il 29 dicembre 2016;
- la L. 25 ottobre 2016, n. 197, di conversione del D.L. 31 agosto 2016, n. 168, di riforma del processo amministrativo telematico;
- il D.Lgs. 26 agosto 2016, n. 179, c.d. nuovo codice dell’amministrazione digitale (CAD).

Il testo, dopo una descrizione dell’evoluzione normativa del PAT, affronta i seguenti argomenti:
- principi e strumenti della digitalizzazione del processo amministrativo;
- il c.d. back office del processo amministrativo telematico, ovvero la piattaforma del Sistema Informatico della Giustizia Amministrativa (SIGA);
- il fascicolo telematico (i contenuti, l’accesso e la trasmissione del fascicolo, i registri informatici);
- la redazione informatica degli atti processuali e la procura alle liti;
- le notificazioni e le comunicazioni telematiche;
- i depositi telematici, con le modalità di compilazione e invio dei moduli digitali;
- i nuovi adempimenti richiesti a organi giudiziari, cancellerie, giudici e loro ausiliari;
- le funzioni istituzionali degli organi della Giustizia Amministrativa.

La seconda parte dell’opera contiene schede con le soluzioni ai principali problemi tecnici (ad es., come installare il certificato di firma nel software di gestione dei moduli di deposito), un utile formulario, presente anche in formato editabile e stampabile sul Cd-Rom allegato, e una ragionata appendice normativa con le disposizioni di riferimento.


Online € 20,40
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 26/01/2017, 2:25

Processo Amministrativo Telematico, un vademecum per i Colleghi Avvocati

Quadro normativo, termini, specifiche tecniche, procura alle liti

Così come stabilito da decreto legge n. 117 del 30 giugno 2016, dal primo gennaio 2017 è entrata definitivamente a regime la riforma del processo amministrativo telematico. Su Altalex, Maurizio Reale ha pubblicato un vademecum, pensato in particolar modo per gli avvocati, al fine di riassumere e illustrare i principali contenuti della riforma.

Nell’approfondimento Reale risponde alle seguenti domande:

Per quali atti e protagonisti del processo è previsto il deposito telematico?
Per i processi pendenti al 1 gennaio 2017, si applica il telematico?
Quale formato deve avere l’atto redatto dal difensore o dal magistrato?
Come firmeremo i nostri atti?
Come depositeremo telematicamente gli atti e i documenti?
Può il difensore estrarre atti e provvedimenti dal fascicolo informatico e attestarne la conformità?
Come si deposita nel PAT la procura alle liti?
*
Allegati
Schema PCT.JPG
Schema PCT.JPG (76.43 KiB) Osservato 1950 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 15/11/2016, 1:49

Le nuove norme in materia di processo amministrativo telematico

Sul sito di Forum PA Michele Gorga ha presentato le principali disposizioni in materia contenute nel Decreto legge n. 168 del 31 agosto 2016, operative a partire dal primo gennaio 2017

Con il decreto legge in esame si modificano molte disposizioni del codice del processo amministrativo soprattutto quelle relative al domicilio digitale, quelle che introducono deroghe alla regola del deposito telematico degli atti processuali e delle copie informatiche degli atti e si introducono inoltre alcune norme di attuazione al codice proprio in ragione dell’attività processuale telematica

Tra le altre novità spiccano quelle relative alla necessità di sinteticità e chiarezza degli atti processuali di parte e si rende obbligatoria la registrazione telematica dei ricorsi, degli atti processuali e delle sentenze. E’ stato anche previsto che il ricorso e gli altri atti difensivi siano redatti secondo criteri e limiti dimensionali fissati dal Presidente del Consiglio di Stato con decreto già pubblicato in Gazzetta ufficiale n.138 sin dal 5 giugno 2015, decreto che prevede le dimensioni del ricorso e degli altri atti difensivi da presentare nei giudizi dinanzi alla magistratura amministrativa. In sintesi, il decreto presidenziale prevede come dovranno essere, in che forma e dimensione, i ricorsi e gli altri atti difensivi nel giudizio stabilendo che ogni atto deve essere non superiore a 30 pagine, redatte su foglio A4, mediante carattere del tipo corrente (ad es. Times New Roman, Courier, Arial o simili), di dimensioni di almeno 12 pt nel testo e 10 pt nelle note a piè di pagina, con un'interlinea di 1,5 e margini orizzontali e verticali di almeno cm 2,5 (in alto, in basso, a sinistra e a destra della pagina). Altra rilevante novità introdotta, che distanzia il PAT dal PCT è l’estensione dell’utilizzo delle modalità di deposito degli atti anche per i soggetti non dotati di posta elettronica certificata prevedendo per quest’ultimi il deposito degli atti e dei documenti in upload.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 02/04/2016, 2:00

FPA, cantieri della PA digitale - Giustizia civile, 24/03/2016
#FORUMPA2016

Negli scorsi giorni il sito di Forum PA ha dedicato un dossier alla giustizia digitale e in particolare al lancio del processo amministrativo telematico,
la cui entrata a regime è prevista per il prossimo luglio.

Di seguito l’elenco degli articoli pubblicati:

Giustizia amministrativa tutta telematica, perché quella di luglio sarà una rivoluzione

Ines Pisano, magistrato

Processo amministrativo, senza regolamento pochi i punti fermi

Stefano Corsini e Sara Cancian, avvocati

Processo amministrativo telematIco parte azzoppato: ecco i punti critici

Emanuele Forner, avvocato

Fascicoli e atti giudiziari, la gestione è più facile con Spid

Michele Gorgia, avvocato

I tre peccati originali del processo civile telematico. E le cure possibili
Marco Cuniberti, avvocato.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Giustizia digitale: tappe e intoppi

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 22/03/2016, 11:47

Pubblicato in GU il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 16 febbraio 2016, n. 40,

"Regolamento recante le regole tecnico-operative per l’attuazione del processo amministrativo telematico"

Entrata in vigore del provvedimento: 05/04/2016

Ecco i principali ingredienti del nuovo regolamento:
CPA = Codice del processo Amministrativo
CAD = Codice dell'Amministrazione Digitale
SIGA = Sistema informativo della Giustizia Amministrativa
PEC = Posta Elettronica Certificata
a cui vanno aggiunti il documento e il fascicolo informatico.
*
Allegati
Immgine PAT.jpg
Immgine PAT.jpg (9.17 KiB) Osservato 2354 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5184
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Prossimo

Torna a Discussioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite