AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 16/12/2019, 9:27

Ministro per la Pubblica Amministrazione, Dipartimento della funzione pubblica, 06/12/2019

AVVISO PUBBLICO “ANPR – Supporto ai comuni per il subentro”

Si avvisano i Comuni che il termine per la presentazione delle richieste di contributo di cui all’art. 5 dell’Avviso pubblico per la realizzazione dell’intervento “ANPR – Supporto ai Comuni per il subentro”, volto a promuovere l’entrata a regime dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, finanziato nell’ambito del PON “Governance e capacità istituzionale” 2014-2020 – Fondo FSE – Asse 1 - OT11 - OS 1.3 “Miglioramento delle prestazioni della Pubblica Amministrazione” - Azione 1.3.1. CUP J53D17000850007, approvato con decreto del Capo Dipartimento della funzione pubblica del 4 dicembre 2017 e pubblicato il 5 dicembre 2017 sul sito istituzionale del Dipartimento della funzione pubblica, già prorogato al 31/12/2019, è nuovamente prorogato al 31 dicembre 2020.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 12/12/2019, 1:16

06/12/2019

La CIE diventa chiave d’accesso ai servizi online degli Stati europei

Il Ministero dell’Interno si è connesso al nodo eIDAS: ciò abilita i cittadini italiani ad accedere ai servizi pubblici online degli Stati europei anche con la carta d’identità elettronica, oltre che con SPID
Da oggi i cittadini italiani potranno accedere ai servizi digitali dei Paesi europei anche attraverso la carta d’identità elettronica. Una possibilità attualmente già valida per i servizi online degli Stati connessi al nodo eIDAS italiano: Austria, Lussemburgo, Danimarca, Estonia, Grecia, Lituania, Lettonia, Malta, Olanda, Norvegia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Regno Unito.
Così come SPID, anche la CIE diviene quindi uno strumento per attestare la nostra identità digitale in tutta l'Unione Europea.
Ad abilitare l’interoperabilità transfrontaliera della CIE è il nodo eIDAS italiano, al quale si è recentemente agganciato il Ministero dell’Interno, garante della sicurezza del sistema di emissione e rilascio della carta d’identità elettronica e dell'autenticità dei dati dei cittadini.
Si tratta di un nuovo importante passo avanti nell’attuazione del Regolamento eIDAS, che impone alle pubbliche amministrazioni europee di rendere accessibili i propri servizi attraverso tutte le identità digitali degli Stati Membri.

...
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 23/11/2019, 0:26

DDay.it, Giuseppe Russo, 21/11/2019

Lo SPID va in pensione. La nuova identità digitale con la carta d'identità elettronica

Il ministro dell’Innovazione Paola Pisano ha annunciato un'importante novità per il rilascio dell'identità digitale (SPID). Un emendamento contenuto nella legge di Bilancio prevede infatti che in futuro l'identità digitale venga rilasciata con la carta di identità elettronica.
*
imago389.JPG
imago389.JPG (23.86 KiB) Osservato 319 volte

...
Inoltre il ministro Pisano ha annunciato che l'obiettivo è portare il sistema di autenticazione digitale anche fuori dalle strutture statali: "Spingeremo Spid verso tutti i privati, ad esempio per consentire a chi va allo stadio di caricare l’abbonamento sulla carta elettronica". L'obiettivo dichiarato è raggiungere 10-20 milioni di identità digitali all’anno. I cittadini che già si sono dotati di SPID potranno continuare a utilizzare quella già a loro disposizione.

I servizi dello Stato saranno raggruppati in un app chiamata "Io" che metterà a disposizione dei cittadini tutti i servizi utilizzabili con Identità digitale. Il nuovo progetto di identità digitale avrà un budget a quote crescenti su tre anni 15 milioni di euro il primo anno, 20 per il secondo e 30 per il terzo.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 08/11/2019, 8:44

Agid, 06/11/2019

SPID: online le linee guida per le identità digitali per uso professionale

Nuove prospettive e funzionalità per il Sistema Pubblico di Identità Digitale con la pubblicazione delle regole per il rilascio delle identità digitali per uso professionale
Con la pubblicazione delle “Linee guida per il rilascio delle identità digitali per uso professionale” da parte di AgID, SPID diventa uno strumento che consente alle pubbliche amministrazioni e ai privati di verificare l’appartenenza di una persona fisica ad un’organizzazione e/o la sua qualità di professionista.

Grazie alle Linee Guida si attiva una nuova funzionalità per il sistema pubblico di identità digitale, attesa da numerose pubbliche amministrazioni e da privati, che consente l’apertura di nuovi servizi online, superando gli ostacoli all’uso della propria identità digitale per scopi lavorativi.

Le indicazioni contenute nel regolamento individuano le modalità che gli Identity Provider devono seguire per il rilascio delle identità per uso professionale, consentendo di veicolare attraverso SPID, oltre ai dati della persona fisica, anche i dati dell’organizzazione di appartenenza per la quale si sta agendo su un servizio reso disponibile da un service provider.
Le identità rilasciate non identificano lo status persona giuridica né l’appartenenza di un professionista a un determinato ordine professionale o altro elenco qualificato.
Le linee guida, emanate ai sensi dell’art. 71 del CAD, sono state emanate con la Determina AgID n. 318/2019 ed entrano in vigore il 1 dicembre 2019.
*
Allegati
imago368.JPG
imago368.JPG (50.39 KiB) Osservato 451 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 19/09/2019, 7:44

AgiD, 18/09/2019

eIDAS: concluso il percorso di notifica europea,
la Carta d’Identità Elettronica diventerà identità digitale europea


Con la pubblicazione della Gazzetta ufficiale europea del 13 settembre 2019 entra nel vivo il percorso previsto dal regolamento comunitario eIDAS per il riconoscimento della Carta d’identità digitale come strumento di accesso ai servizi online delle amministrazioni degli Stati membri

La notifica europea della Carta d’identità elettronica (CIE), pubblicata in Gazzetta ufficiale europea del 13 settembre 2019, n. C 309/09, conclude l’iter avviato da AgID a gennaio 2019 per il mutuo riconoscimento della CIE, affinché possa essere utilizzata per l’accesso ai servizi digitali offerti dalle pubbliche amministrazioni degli Stati Membri.
La notifica della Carta d’identità elettronica segue il percorso avviato nel 2018 per l’identità digitale SPID, consentendo - entro i successivi 12 mesi dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale europea - l’adeguamento dei sistemi di tutti gli Stati dell’Unione che permetteranno l’accesso ai propri servizi digitali, oltre che con l’identità digitale SPID, anche tramite CIE.
Anche Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, Spagna, Olanda e Regno Unito hanno provveduto a notificare i propri sistemi di autenticazione ai servizi online.
Prosegue speditamente il percorso attuativo del Regolamento eIDAS per la realizzazione della cittadinanza digitale europea.
*
Allegati
imago378.JPG
imago378.JPG (30.48 KiB) Osservato 621 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 09/02/2019, 1:25

AgID, 05/02/2019

Come attivare il Login eIDAS? Ecco la guida per le PA a cura di Agid

Nasce Eid.gov., il portale dove vengono indicate le procedure tecniche e amministrative da seguire per abilitare il Login eIDAS. Tutte le pubbliche amministrazioni sono tenute ad aderire al nodo che consente l’interoperabilità transfrontaliera delle identità digitali

Come attivare il Login eIDAS?
L’Agenzia per l’Italia digitale mette a disposizione delle Pubbliche amministrazioni italiane e dei fornitori di servizi pubblici e privati aderenti a SPID il portale informativo Eid.gov, che indica le procedure tecniche e amministrative da seguire per connettersi al nodo eIDAS italiano.

La realizzazione della piattaforma rientra tra le attività avviate dall’Agenzia, nell’ambito del progetto CEF-Ficep, per supportare operativamente le PA nell’adozione del Regolamento europeo sui servizi fiduciari e i mezzi di identificazione elettronica degli stati membri.
...
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 13/01/2019, 0:10

AgendaDigitale, 10/01/2019, Alessandra Longo

Carta d’Identità Elettronica (CIE): cos’è, quanto costa e come ottenerla

La Cie dà maggiore certezza giuridica ad un documento di identità, soprattutto per quanto riguarda il supporto e il processo di emissione; e (in teoria) permette l’accesso di servizi in rete. Ecco la (laboriosa) procedura per ottenerla, tempi di attesa, utilizzi presenti e futuri
Indice degli argomenti


Che cos’è la CIE (Carta d’Identità Elettronica)
A che cosa serve la carta d’identità elettronica
Validità e durata della CIE: quanto dura e chi la può richiedere
Come e dove richiedere la CIE (comuni, polizia, spid o altro?)
Quanto costa la carta d’identità elettronica (costo di 22 o 22,21 euro)
Quanti e quali sono i Comuni attivi che emettono la CIE
Come è fatta la Carta d’identità elettronica
Nella carta sono contenute le seguenti informazioni:
Cosa c’è sul retro della carta d’identità elettronica:
La nuova CIE ha diverse varianti rispetto alle precedenti versioni:
I tempi di consegna: le attese per ricevere la CIE
Il futuro di Agendacie per la richiesta della Cie
Chi emette la carta di identità elettronica?
Come si fa la CIE, modalità di attivazione dei Comuni
Gli strumenti (firma autografa, elementi biometrici, etc)
CIE e ANPR (Anagrafe Nazionale Popolazione Residente)
CIE e SPID (Sistema Pubblico Identità Digitale)
A cosa serve la CIE: i prossimi utilizzi
Carta d’identità elettronica e servizi online: casi d’uso
La consultazione delle CIE da parte delle forze dell’ordine
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 22/12/2018, 19:01

AgendaDigitale, Patrizia Saggini, avvocato, componente del gruppo di Comuni sperimentatori di ANPR, 12/11/2018

Mille comuni in ANPR, ma c’è tanto da fare: ecco ostacoli e obiettivi

L’anagrafe unica della popolazione residente sta per tagliare il traguardo dei primi mille comuni. Un’analisi del trend di subentro a livello nazionale, dei temi ancora sul tavolo e degli ostacoli che rallentano il completamento

Indice degli argomenti
Anpr, a che punto siamo
Anagrafe unica, i temi sul tavolo
Gli ostacoli sulla strade del completamento dell’Anpr
Massimizzare i benefici del subentro


Ormai è vicino il traguardo dei mille Comuni subentrati in Anpr: con un ritmo di 10 – 15 Comuni al giorno, procede la costituzione della base dati anagrafica nazionale.

Non c’è però da gioire: certo non ce la faremo nemmeno nel 2019 a completare i lavori e la sfida sarà riuscirci nel 2020. E non è nemmeno finita qui: troppe le variabili da considerare e i fattori che impediscono di massimizzarne i vantaggi. Anche una volta raggiunto l’obiettivo del completamento, non sarà che un nuovo punto di partenza, per arrivare ai veri vantaggi al cittadino.
*
Allegati
imago429.JPG
imago429.JPG (39.51 KiB) Osservato 1317 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 12/07/2018, 23:53

ForumPA

Carta d'identità elettronica, a che punto siamo? - Intervista a Stefano Imperatori

Intervista a Stefano Imperatori, Direttore del Poligrafico e Zecca dello Stato, che a Forum PA 2018 parla della grande novità introdotta nel 2016.
*
Allegati
imago281.JPG
imago281.JPG (20.08 KiB) Osservato 1684 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: AGID: Anagrafe nazionale e identità digitale

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 14/05/2018, 7:31

Webnews, Luca Colantuoni, 18 aprile 2018

Dati biometrici nelle future carte d’identità

La Commissione Europea ha proposto misure per migliorare la sicurezza dei cittadini, tra cui l'inserimento delle impronte digitali nelle carte d'identità.

La Commissione Europea ha presentato nuove misure per garantire una maggiore sicurezza ai cittadini, riducendo le possibilità per i criminali di commettere reati. Una di esse è il miglioramento delle carte d’identità attraverso l’integrazione dei dati biometrici, tra cui le impronte digitali, come già avviene per i passaporti. Un’altra proposta riguarda l’accesso semplificato alle cosiddette prove elettroniche, come email o documenti conservati sul cloud.

Il 14 dicembre 2017 i presidenti del Parlamento europeo, la presidenza di turno del Consiglio e la Commissione europea hanno firmato una dichiarazione comune sulle priorità legislative dell’UE per il periodo 2018-2019, in cui si è sottolineata l’importanza fondamentale di una migliore protezione dei cittadini. Una delle iniziative riguarda gli elementi di sicurezza delle carte d’identità. L’obiettivo è ridurre l’uso di documenti falsi che possono essere usati da terroristi e criminali per entrare nell’Unione Europea da paesi terzi.

imago238.JPG
imago238.JPG (22.6 KiB) Osservato 1891 volte

Le carte d’identità dei cittadini dell’UE di età superiore a 12 anni dovranno comprenderanno due dati biometrici, ovvero impronte digitali e immagini del volto, che saranno conservati in un chip inserito nel documento. Le carte non conformi verranno gradualmente eliminate alla data di scadenza o almeno entro cinque anni. Quelle meno sicure, che non si prestano alla lettura automatizzata, verranno eliminate entro due anni. Il regolamento proposto dalla Commissione Europea non introduce carte d’identità obbligatorie in tutti i paesi europei, ma aggiorna gli elementi di sicurezza di quelle esistenti, lasciando ai singoli stati membri il compito di disciplinare altri elementi delle carte d’identità nazionali.
...
Il regolamento prevede la creazione di un “ordine di produzione europeo”, in base al quale l’autorità giudiziaria potrà richiedere prove elettroniche direttamente al fornitore del servizio accessibile da uno stato membro, indipendentemente dall’ubicazione dei dati. Il provider è tenuto a rispondere entro 10 giorni o 6 ore in caso di emergenza, non potrà cancellare i dati e dovrà nominare un rappresentante legale nell’UE. Tutta la procedura verrà effettuata rispettando la legge sulla protezione dei dati personali e la carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5942
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Prossimo

Torna a Programmi, progetti e attività

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron