Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBCC

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 07/06/2019, 18:39

AgCult, 06/06/2019

Volontari al Mibac, revocato il bando della Biblioteca Angelica

Revocato il bando per le associazioni alla Biblioteca Angelica dopo la presa di posizione del ministro dei Beni culturali sull'impiego dei volontari negli istituti del Mibac

Il Mibac ha revocato il bando per la selezione di un’associazione di volontariato per svolgere attività di supporto nell’archiviazione e digitalizzazione documentale alla Biblioteca Angelica. La richiesta è arrivata dalla stessa direttrice della biblioteca di piazza Sant’Agostino, Simonetta Bonito. Il bando, che sarebbe dovuto scadere il 30 luglio prossimo, era rivolto alle associazioni di volontariato senza scopo di lucro. Le attività oggetto della selezione erano - come detto - l’archiviazione e la digitalizzazione documentale, con particolare riferimento al Fondo geografico della Biblioteca. La revoca del bando dell'Angelica destinato alle associazioni di volontariato arriva dopo la firma dell'atto di indirizzo sul tema emanato dal ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli.
...
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 07/06/2019, 18:38

ANAI - Comunicato sull'avviso di selezione per l'Archiviazione e digitalizzazione documentale del Fondo geografico della Biblioteca Angelica.
Roma, 17 maggio 2019

Oggetto: Archiviazione e digitalizzazione documentale del Fondo geografico della Biblioteca Angelica.

Lo scorso 9 maggio è apparso sul sito del Ministero dei beni e delle attività culturali - Biblioteca Angelica (Avvisi e circolari) un avviso per la selezione di "un'associazione di volontariato, senza scopo di lucro e con esperienza almeno triennale nel settore della tutela dei patrimoni culturali, aventi sede legale e operativa nel Comune di Roma, per il supporto alle attività di:

- Archiviazione e digitalizzazione documentale, con particolare riferimento al prezioso Fondo geografico della Biblioteca".

Il progetto prevede la realizzazione di tale attività dal 1° settembre 2019 al 31 dicembre 2019, ricorrendo ad un massimo di 7 volontari, impiegati per 5 ore al giorno e per un massimo di 5 giorni settimanali e rimborsati con un contributo il cui ammontare giornaliero non dovrà superare il costo complessivo di Euro 25 (venticinque/00) lordi per ciascun volontario.

Il ricorso al volontariato nelle attività di pubblica utilità è certamente apprezzabile, esso sottolinea il ruolo centrale del terzo settore nella società civile. Tuttavia, occorre rilevarlo, l'avviso in questione presenta alcuni profili di criticità.

Nell'avviso non è presente alcuna specifica che definisca le qualifiche professionali necessarie né chiarisca cosa sia da intendersi per ‘esperienza nel settore della tutela dei patrimoni culturali' da parte dell'associazione di volontariato. Ne deriva il dubbio che le attività da svolgere come supporto ai lavori di archiviazione e digitalizzazione documentale (con particolare riferimento al Fondo geografico della Biblioteca) possano o meno essere considerate di mero supporto materiale.

La generica "descrizione della formazione del personale volontario sulle attività oggetto della selezione", come ricordato al punto 5 lett. c dell'avviso, inoltre, non è garanzia di per sé sufficiente a veder rispettato il disposto dell'articolo 9 bis del Codice dei beni culturali il quale, introdotto dalla recente legge 110 del 2014, prevede che gli interventi sui beni culturali, siano affidati, secondo le rispettive competenze, alla responsabilità o alla diretta attuazione di professionisti "in possesso di adeguata formazione ed esperienza professionale».

Inoltre, il bando rinvia la definizione dei compiti e una migliore definizione di dettaglio delle modalità di svolgimento delle attività ad una successiva convenzione, mentre riserva ( punto 7.1 del bando) e riserva alla Biblioteca una "funzione di controllo attraverso verifiche in ordine all'attuazione del programma" senza specificare se l'attività richiesta all'associazione di volontariato individuata comprenda schedatura e metadatazione dei materiali digitalizzati e altri aspetti squisitamente tecnico- scientifici dei progetti di digitalizzazione.

Temiamo che l'indeterminatezza del bando, come già accaduto in simili casi in passato, possa portare ad interpretazioni riduttive del lavoro dei professionisti seri e competenti che operano nelle biblioteche e, in generale nel settore dei beni culturali, come anche del reale supporto del volontariato nei beni culturali e abbiamo ritenuto opportuno segnalare questo concreto rischio in spirito di collaborazione.

In attesa di riscontro, porgiamo il nostro saluto più cordiale.
Per il Direttivo nazionale Anai
Micaela Procaccia
(Presidente)
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Gli sfruttati dei musei e degli archivi

Messaggioda Bernardino » 02/03/2018, 11:43

Segnalo l'articolo "Gli sfruttati dei musei e degli archivi" di Federico D. Giannini su Left del 28 febbraio 2018, sui volontari in archivi e musei e sulla condizione degli addetti al settore culturale con "forme di lavoro atipico, precario o coperto dalla maschera del volontariato, sempre più spesso adoperate col fine di soppiantare il lavoro stabile e regolare":

Gli sfruttati dei musei e degli archivi

Viene rilanciata la proposta di legge per la regolamentazione del volontariato culturale sostenuta dalla campagna "Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali" presentata la scorsa settimana alla sala stampa della Camera, per arginare "il ricorso al volontariato come attività in grado di rimpiazzare il lavoro pagato", dato che "dal 2010 al 2016 l’organico del Mibact s’è ridotto di circa cinquemila unità".
Bernardino
Socio ANAI
 
Messaggi: 163
Iscritto il: 25/02/2009, 17:22
Località: Bergamo

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 25/02/2018, 16:51

Che fate lunedì pomeriggio?
Siete in migliaia a seguirci da Roma, perchè non discutere insieme di come ottenere un cambiamento profondo nel mercato del lavoro culturale? Davvero la scelta è tra volontari o chiusura?
Ci vediamo lunedì alle 15 in Sapienza, tanti i temi da trattare, con l'aiuto di tutte e tutti voi! Invitate tutti i vostri amici!

imago141.JPG
imago141.JPG (57.72 KiB) Osservato 1793 volte

Lunedì 26 febbraio alle 15
QUALE FUTURO PER IL LAVORO CULTURALE?
Anche all'Università la Sapienza presentiamo la nostra proposta di legge per la regolamentazione del volontariato culturale, e analizziamo e discutiamo con tutte e tutti voi la situazione del mercato del lavoro culturale, dei percorsi formativi, le criticità, le proposte, le soluzioni...
Lo faremo con l'aiuto di Rita Paris e Bruna La Sorda.... Non mancate! Ci vediamo lunedì!
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 18/02/2018, 15:23

DAL MOLISE ALL'ITALIA, QUALE FUTURO PER IL LAVORO CULTURALE?
Dibattito e presentazione della proposta di legge per la regolamentazione del volontariato culturale.


CAMPOBASSO Palazzo san Giorgio - Sala consiliare
Piazza Vittorio Emanuele II
Mercoledì 21 febbraio, ore 17.00

Chiusura o volontari, è questa l’unica alternativa?
Il lavoro in ambito culturale, negli ultimi decenni, è diventato sempre meno sicuro, sempre meno garantito, sempre meno di qualità: nonostante la crescita costante del turismo culturale, i professionisti dei beni culturali lavorano spesso con stipendi e diritti limitatissimi, o gratis. In Molise, poi, questa situazione costringe ogni anno migliaia di giovani professionisti a lasciare il territorio, per formarsi o per lavorare.
Per la prima volta a Campobasso, il movimento Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali organizza un’assemblea pubblica, aperta a tutta la cittadinanza, per delineare e discutere la situazione degli enti e delle istituzioni cittadine, regionali e contestualizzarla sul piano nazionale.

Sarà forse anche la scarsa e l’inadeguata valorizzazione del proprio patrimonio culturale che porta a considerare il Molise la regione che non esiste? Seppur piccolo e semisconosciuto il territorio molisano conserva un importante patrimonio storico, culturale e paesaggistico che conta dieci tra musei, monumenti e siti archeologici statali (in uno dei quali è stato rinvenuto il resto umano più antico d’Italia!) castelli e borghi fortificati, santuari e abbazie, chiese e cattedrali, siti archeologici e riserve naturali. Sono molti i beni in pessime condizioni conservative, forte è la carenza d’investimenti sul personale qualificato nei luoghi della cultura, le biblioteche chiudono per inadeguate coperture finanziare, diffuso è l’impiego del volontariato culturale, ridotte e incomplete sono le possibilità formative accademiche.

Durante l’incontro si analizzeranno queste tematiche e i problemi che oggi affliggono i lavoratori del settore culturale e i professionisti dello stesso, sviscerandone motivazioni e possibili soluzioni, nonché le opportunità di crescita economica e sociale legate a un netto cambio di rotta e all’impiego di un lavoro culturale di qualità. Sarà presentata e discussa anche la proposta di legge per la regolamentazione del volontariato culturale, promossa dal movimento Mi Riconosci e già presentata alla Camera dei Deputati in data 24 gennaio (la proposta è consultabile qui: https://goo.gl/WYXp1y).

Modera:
Daniela D’Amore (dott.ssa in archeologia, Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali)

Interverranno:
Daniela Pietrangelo (operatrice museale, Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali)
Franco Valente (architetto)
Vincenzo Lombardi (ex direttore Biblioteca "Pasquale Albino" di Campobasso)
Rosanna D'Angella (ANAI Puglia)
Vittorio Ponzani (vicepresidente AIB)

Hanno confermato al loro presenza:
Isabella Astorri (presidente SIPBC - Sezione Regionale Molise)
Emma de Capoa (Assessore alla Cultura del Comune di Campobasso)

E non solo. Ulteriori relatori e ospiti saranno annunciati nei prossimi giorni.
L'incontro sarà strutturato in modo tale da lasciare ampio spazio agli interventi dal pubblico e al dibattito.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.
*
Allegati
imago131.JPG
imago131.JPG (36.51 KiB) Osservato 1879 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 01/06/2017, 18:09

Comunicato dell'ANAI sulla questione dell'impiego deui volontari nei beni culturali.

Roma, 30/05/2017
COMUNICATO DEL DIRETTIVO ANAI

Riflessioni sull’uso del volontariato.
Il problema dell’uso del volontariato nei beni culturali è problema assai spinoso e delicato.
*
Allegati
Logo.JPG
Logo.JPG (14.39 KiB) Osservato 2400 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 10/03/2017, 3:19

Altreconomia, Tomaso Montanari — 31 gennaio 2017

Gli “schiavi” del patrimonio

Il ministero dei Beni culturali copre 1.221 posti tra biblioteche e archivi grazie al “volontariato” di professionisti che non hanno altra alternativa a call center ed emigrazione. “Un volto che ci somiglia”, la rubrica di Tomaso Montanari

Un volto che ci somiglia: vorrei prendere alla lettera il titolo che la rubrica ha in prestito da uno straordinario libro di Carlo Levi sulla bellezza del nostro patrimonio culturale.
Il volto che somiglia a quello di noi storici dell’arte, archeologi, archivisti, bibliotecari etc. che lavoriamo per il patrimonio (nelle università o nei ranghi del ministero per i Beni culturali), e quello degli storici dell’arte, archeologi, archivisti, bibliotecari etc. che lavorano come volontari per quello stesso patrimonio. È un volto che si somiglia (perché studi, preparazione e lavoro sono gli stessi), ma non è lo stesso: perché noi veniamo pagati, loro no.

Sono volontari, cioè schiavi, del patrimonio. Lo scorso 12 gennaio il manifesto ha dato spazio alla denuncia-choc di Federica: “Volontaria, perché -spiega alla conferenza stampa indetta dalla Cgil per parlare dei referendum sul lavoro- da anni non pare ci sia altro modo di inquadrarci che come iscritti a un’associazione di volontariato. Abbiamo chiesto più volte di incontrare il direttore della Biblioteca, ma appunto in quanto ‘volontari’ ci ha fatto rispondere che non abbiamo diritto a una interlocuzione. Siamo fantasmi -riprende Federica- eppure lavoriamo come tutti i dipendenti”.
Federica è una “scontrinista”: “Raccogliamo gli scontrini della spesa alimentare fatta in un mese, a volte ci vengono dati anche dai dipendenti per solidarietà, quindi li presentiamo alla Biblioteca: a fronte ci viene dato una sorta di ‘rimborso spese’ forfettario, con un tetto massimo di circa 400 euro”.
...
Non molti ricordano che l’uso del volontariato nei beni culturali iniziò con quella stessa Legge Ronchey (governo Amato, 1992) che metteva il patrimonio culturale nelle mani di pochi concessionari for profit: mentre lo Stato dava ai privati i servizi redditizi, stabiliva anche di non mantenere il proprio organico, e di avviare così la distruzione delle professionalità interne, preferendo ricorrere a volontari. E infatti il ricorso strutturale al non-profit-per-disperazione è una copertura per la commercializzazione del patrimonio e per il simultaneo, e ormai definitivo, congedo di uno Stato in fuga. E, dunque, quando visitiamo un museo o andiamo in biblioteca, cerchiamo di conoscere i fantasmi che li tengono aperti per noi. Parliamoci: ascoltiamo le loro storie. Noi abbiamo bisogno del loro lavoro, loro hanno bisogno della nostra solidarietà, che possa aiutarli a recuperare un corpo, un volto, una dignità. Prove di politica dal basso, nella solitudine della post democrazia di un’Italia senza Sinistra.

Tomaso Montanari è professore ordinario di Storia dell’arte moderna all’Università di Napoli. Il suo ultimo libro è “Privati del patrimonio” (Einaudi, 2015)

*
Allegati
Franceschini.JPG
Il Ministro Dario Franceschini e il Sottosegretario al lavoro Luigi Bobba
Franceschini.JPG (35.17 KiB) Osservato 2683 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 16/01/2017, 22:34

Anche il movimento Miriconosci? si esprime in modo nettamente contrario al bando MIBACT per il servizio civile
e inviata a boicottarlo, 16/01/2017

I progetti per 1000 volontari al MiBACT: un’opportunità da non perdere per salvare il culo allo Stato!

Il MiBACT ha deciso di pagare 1000 volontari del Servizio Civile di tasca propria, così, come atto di beneficenza forse. Gli avevamo chiesto di spiegarci come sarebbero stati impiegati, ci ha totalmente ignorato, ma da qualche giorno i progetti sono pubblici e fugano ogni dubbio!
Sei giovane, hai voglia di metterti alla prova attraverso il Servizio Civile e acquisire esperienza e competenze da inserire nel curriculum? Bene, questo bando non è per te!

Hai 26-28 anni, una laurea, magari qualche titolo post-laurea, diversi tirocini alle spalle e professionalità e competenze a non finire? Perfetto, allora puoi fare domanda, il MiBACT cerca te! Dimentica il lavoro e la dignità, dimentica il curriculum, 433 euro al mese e un attestato di partecipazione possono bastare! Già, perché i progetti parlano chiaro: “Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l’espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae”? Assenti!

...
Allegati
Imago.JPG
Imago.JPG (16.91 KiB) Osservato 2810 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 05/01/2017, 12:06

Il Manifesto di Roberto Ciccarelli, 05/01/2017

Mille nuovi precari al Mibact: volontari al posto dei lavoratori

Beni Culturali. Il ministero dei beni culturali di Franceschini è all'avanguardia del nuovo precariato: usa i volontari del servizio civile al posto dei lavoratori. Emanati due nuovi bandi per creare un esercito di precari pagati 433 euro al mese. Tempo di scadenza: un anno. E poi si ricomincia. L'uso dei fondi europei destinati al programma "Garanzia Giovani" per tappare i buchi prodotti dal turn over e dai tagli dell'austerity

Nuovo anno, stessa musica al ministero dei beni culturali. Dopo il bando per 29 volontari del servizio civile impiegati per compiti di spiccata professionalità durante il Giubileo, ne sono stati emanati altri due per 1121 volontari. Il primo bando richiede 71 volontari per il Mibact, 17 per il Ministero dell’Ambiente e 22 per il Ministero dell’Interno. Il secondo, pubblicato il 2 gennaio prevede 1050 volontari del Servizio Civile, di cui mille andranno al Mibact. Questi ultimi saranno inquadrati nel fallimentare progetto «Garanzia giovani», lavoreranno in 215 sedi su tutto il territorio nazionale. I bandi fanno seguito a un accordo del 2014 tra il Mibact, la presidenza del consiglio e il ministero del lavoro sull’«occupazione» di 2 mila giovani, età fino ai 28 anni, per 9 o 12 mesi senza inquadrarli in una mansione professionale.

I fondi europei che dovevano essere usati per affrontare la disoccupazione giovanile, sono usati in Italia per reclutare forza lavoro per colmare i buchi prodotti dal blocco del turn-over e dai pensionati non sostituiti da nuove leve. In più l’uso di garanzia giovani, in questo e altri contesti, servirà a drogare le statistiche sull’occupazione giovanile permettendo al governo di esibire un «successo» quando l’Istat pubblicherà i prossimi dati sull’occupazione. Da un paio d’anni a questa parte il Mibact di Franceschini si è posizionato senz’altro all’avanguardia della trasformazione semantica del volontariato, degli stage permanenti in «lavoro». Lo strumento principale è il servizio civile. In cambio i ragazzi possono avere la soddisfazione (si fa per dire) di mettere un’«esperienza» nel curriculum.
Questi lavoratori travestiti da «volontari» guadagneranno 433,80 euro al mese per 5.200 euro all’anno. Un gran bel risparmio per l’austerity nei beni culturali, visto che un contratto anche part-time potrebbe costare senz’altro più del doppio. Così lo Stato occulta il precariato, cancella i titoli e de-professionalizza giovani già formati e pronti per un lavoro.
...

Imago.JPG
Imago.JPG (12.62 KiB) Osservato 2877 volte

«Il bando, con una cifra molto elevata rispetto agli anni passati, arriva in un momento particolare, nel quale il Mibact si trova sotto organico di almeno 3 mila unità. Si usa lo strumento del Servizio Civile per risparmiare e coprire buchi di personale, evitando il collasso» sostiene Leonardo Bison, attivista della campagna «Mi Riconosci?».
«Hanno trovato un altro modo per avere mille schiavi. il servizio civile non è un modo per spendere fondi per l’occupazione – aggiunge Martina Carpani (Rete della Conoscenza) – Il Mibact spieghi perché cerca volontari e non assume personale».
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Petizione associazioni sull'impiego di volontari nei BBC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 12/10/2016, 22:13

Il Fatto Quotidiano, 12 Ottobre 2016, Manlio Lilli

Beni culturali, il Cnr recluta qualificati ma volontari

“Vorresti acquisire o spendere le tue competenze nel settore dei beni culturali? Sei interessato a conoscere il mondo della ricerca scientifica? Ti piace il gioco di squadra?”. Inizia così la Campagna di reclutamento volontari per supporto all’attività di ricerca promossa dall’Ibam, l’Istituto per i Beni archeologici e monumentali del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Soltanto una circostanza che si ripete? Un’ennesima chiamata alle armi per volontari desiderosi di impegnarsi nella conoscenza/salvezza del nostro Patrimonio storico-artistico-archeologico? E’ sufficiente leggere per intero il progetto per capire. Niente a che vedere con il protocollo d’intesa tra Mibact e Ministero del Lavoro che prevedeva la realizzazione di progetti nei quali impiegare 2000 volontari in servizio civile nazionale nella promozione dello svolgimento di attività di tutela, di fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale. Nessuna similitudine neppure con quanto promettono associazioni e fondazioni, a partire dal Fai. In questo caso non è prevista alcuna retribuzione e non esistono quote d’iscrizione. Diversi anche i requisiti. “Sono ammessi a partecipare alla call coloro i quali abbiano conseguito la Laurea o siano studenti di uno dei seguenti corsi di Laurea*”. Seguono le lauree Triennali e quelle Magistrali ammesse. Quasi tutte comprese nell’ambito di pertinenza.
...
Quel che è certo è che si rafforza sempre più la sensazione che nella valorizzazione del Patrimonio culturale italiano, che esalta manager e volontari, ci sia sempre meno spazio per le competenze. Anzi che queste siano quasi un fastidioso intralcio.

Insomma ad avere la possibilità di rientrare nella selezione ci sono addetti ai lavori. Anche se non necessariamente in possesso della laurea. Spazio a tutti, senza restrizioni. D’altra parte perché mai farne? Non sarebbe utile

*
Allegati
Scavo archeo.JPG
Scavo archeo.JPG (54.21 KiB) Osservato 3023 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5623
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Prossimo

Torna a Discussioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron