Riordinare le unità archivistiche

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda allegra paci » 10/10/2012, 12:27

bhe, se è per questo il comportamento è differente anche se si fa la ricerca libera per Archivio storico del comune di alfonsine - in cui si ottiene un inventario sommario dove non sono decritte le unità archivistiche - e se si effettua la ricerca per ambito territoriale - provincia di revenna - Archivio storico del comune di alfonsine - dove si ha l'inventario completo
allegra paci
Socio ANAI
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 26/03/2009, 22:03

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda svassallo » 09/10/2012, 2:07

No tanto semplice non era (almeno per me) visto che il comportamento è differente tra se si clicca l'icona (si aprono i nodi sotto) e se si clicca il testo (si apre la descrizione).

Probabilmente è chiaro a chi è dovuto convivere per anni con questo stile di rappresentazioni archivistiche. Dal punto di vista dell'usabilità imho è quantomeno rivedibile, ma questo è un altro discorso (pensate se il comportamento tra cliccare sull'avatar e sul nome in facebook di una persona fosse diverso... bel casino).

Tornando a noi, se il risultato che si vuole ottenere con Archimista è quello che mi sembra di capire faccia xDams (sempre che io abbia inteso correttamente l'archivio del comune alfonsile) non sono particolarmente d'accordo, perché si ottiene un poco esportabile e leggibile dagli altri stakeholder
Codice: Seleziona tutto
   <descgrp type="codici e numerazioni">
        <index>
            <head>titolario di classificazione</head>
            <indexentry>
                <name>Cat. XI Agricoltura Industria Commercio, cl. 1</name>
            </indexentry>
        </index>
    </descgrp>


Cioè qualcosa chiaro (forse) all'interno del singolo programma, ma poco intellegibile agli altri.

Ora, mi rendo conto di non essere Gandalf e anche se avessi il bastone della classificazione dalla mia non potrei gridare "tu non puoi passare" a una simile modifica :D
Però prima di accogliervi in casa questo Balrog pensateci. Seriamente.
È così che muore la libertà, sotto scroscianti applausi. (Star Wars – La vendetta dei Sith)
svassallo
Socio ANAI
 
Messaggi: 345
Iscritto il: 19/03/2009, 11:08

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda allegra paci » 08/10/2012, 17:25

Volevo semplicemente alludere ad un'interfaccia un po' vecchiotta ed affollata in cui, quando si clicca sull'iconcina si viene risospinti a inizio pagina e può sfuggire che, sotto la scheda struttura, è apparsa la striscia delle schede unità.
allegra paci
Socio ANAI
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 26/03/2009, 22:03

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda roberto grassi » 08/10/2012, 10:56

Non capisco il problema, mi spegate?
Cioè vado sul sito di IBC Archivi, scelgo un complesso, mettiamo "Archivio storico di Albinea" (RE), e mi si presenta l'albero con un tot di nodi; clicco sulla iconcina di un nodo, mettiamo "deliberazioni del consiglio comunale 1860-1961", il nodo si apre e vedo che da lui dipendono una dozzina di schede unità. Cliccando sul titolo della unità si apre un riquadro dove è descritta la medesima. Nel caso di tratta di volumi nei quali sono rilegate le delibere. Lo stesso per altre serie tipo Deliberazioni della Giunta, del Podestà, Atti di nascita ecc. E' tutto molto semplice mi pare. Perchè dite che non si vedono?
Erregì
roberto grassi
Socio ANAI
 
Messaggi: 118
Iscritto il: 11/02/2009, 17:38

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda svassallo » 08/10/2012, 0:24

Un po' troppo per me, saranno le diottrie scarse ma non l'ho proprio trovate

ho buttato un occhio anche su reload dove mi pare che i dati di quel comune dovevano essere pubblicati (o liberati per usare la terminologia spesso in voga nei linked data)

Va beh si chiederà agli interessati...
È così che muore la libertà, sotto scroscianti applausi. (Star Wars – La vendetta dei Sith)
svassallo
Socio ANAI
 
Messaggi: 345
Iscritto il: 19/03/2009, 11:08

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda allegra paci » 07/10/2012, 14:37

Archivio storico del comune di alfonsine

http://archivi.ibc.regione.emilia-romag ... =Alfonsine

le unità ci sono, ma sono nascoste molto bene!
allegra paci
Socio ANAI
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 26/03/2009, 22:03

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda svassallo » 07/10/2012, 12:48

Come detto dell'aspetto teorico/filosofico mi interesso fino a un certo punto (trovo funny dover spezzare la classificazione in due campi, e sono campi logici/fisici e non solo virtuale, ma magari questo è dettato dal fatto che sto diventando vecchio e come tutti i vecchi conservatore...)

Mi interesso dell'aspetto pratico, ma immagino si possa trovare una soluzione furba a tutte le osservazioni.

Che anche xDams lo faccia non so se vederlo come un bene. xDams non condivide le premesse di archimista (ossia cercare di limitare possibili errori del'archivista) tant'è vero che permette di creare un numero arbitrario di livelli di sottounità etc

In ogni caso l'aspetto positivo è che xDams ragiona in EAD, dunque è facile vedere come hanno gestito la cosa:

se da questo campo "classificazione" viene ricostruita la catena di <c> (ossia è un campo solo virtuale, di visualizzazione) mi sembrerebbe un'ottima soluzione... che era quella a cui accennavo precedentemente.

Se invece viene gestito con qualcosa come <odd type="classificazione"> qualche dubbio in più l'avrei, soprattutto se l'obiettivo è parlarsi fra sistemi diversi. Perché, non per tornare su una mia antica polemica, XML e EAD di per sé non significano interoperabile.

Ho cercato rapidamente sul sito di IBC ma non ho trovato un comune in cui si visualizzassero le unità. Purtroppo sono in partenza per gli usa (proprio a causa del buon EAD) sicché la mia ricerca è stata molto affrettata, se hai un esempio sottomano si può vedere subito com'è stato gestito.
È così che muore la libertà, sotto scroscianti applausi. (Star Wars – La vendetta dei Sith)
svassallo
Socio ANAI
 
Messaggi: 345
Iscritto il: 19/03/2009, 11:08

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda allegra paci » 07/10/2012, 8:07

Non so se ho colto appieno quello che dicono roberto e shaitan, ma mi sembra che il problema sia, prima che informatico, archivistico.
Di norma, quando si descrive la serie del carteggio classificato, la prima cesura della struttura è quella che corrisponde ai cambi di titolario o, per rispondere a shaitan, di non-titolario.
Quindi
Serie carteggio
Sottoserie Carteggio classificato dal 18.. al 190.
Sottoserie Carteggio classificato dal 191. al 196.
Sottoserie Ecc..
Ipotizzando una sottoserie classificata con l’astengo avremo 15 categorie per anno, che di norma, non si fanno corrispondere ad altrettante partizioni dell’albero ma costituiscono, insieme all’ordine cronologico, uno degli elementi che stabiliscono la sequenza da dare all’unità. Quindi
Sottoserie Carteggio classificato dal 18.. al 190.
Unità archivistica Amministrazione
segnatura 1.3 (terzo fascicolo della prima busta)
estremi cronologici: 1897
classificazione: (in mancanza di un campo specifico può essere associata al titolo, essendo certamente uno degli elementi identificativi)
contenuto:
- Classe 5. Podestà - Commissari straordinari - Delegati del Podestà - Ordinanze e provvedimenti del Podestà;
- Classe 6. Segretario comunale - Impiegati - Pianta organica - Nomine, sospensioni, licenziamenti, permessi e stipendi, ecc. - Salariati - Personale avventizio - Incaricati - Pensionati comunali - Cassa previdenza e INFADEL - Concorsi posti impiegato e salariato.
ecc.
così facendo ad ogni categoria corrisponde di norma un fascicolo e le classi vanno a costituire i sottofascicoli, come di solito è. In alternativa la sequenza delle unità può prevedere l’uso della classe ma, salvo in rari casi di un carteggio particolarmente ricco, mi sembra che così facendo si produca una pletora di unità ridondante.
Rispondendo ai timori di shaitan sugli “spiragli a usi strani “posso solo dire che tanto in xdams ibc che xdams città per gli archivi c’è già un campo per la classificazione.
Sperando di aver dato un contributo di qualche utilità mi scuso per la lunghezza
allegra paci
Socio ANAI
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 26/03/2009, 22:03

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda svassallo » 04/10/2012, 12:58

Devo essere onesto e quando ho letto di "un nuovo campo" per veicolare (parte) delle informazioni strutturali un brivido gelato mi è corso lungo la schiena... è pensare che ritenevo di essere io l'eterodosso del "mondo" archivistico... Avete già l'approvazione del Soprintendente Lumbard? perché in tal caso cambio subito idea... :D

Ok a parte le battute e l'aspetto teologico/filosofico vengo ad alcuni problemi pratici che sicuramente avrete già considerato nel vagliare questa soluzione:
- Come bloccherete (se pensate di limitarlo) un uso improrpio di questa feature per archivi che non ricadono nel problema delle serie annuali? Ricordo che nel gruppo di lavoro si è spesso posto catenacci (che a me piacciono poco ma va beh) proprio per evitare che archimista fosse usato in maniera impropria nel descrivere archivi come quelli personali (architetti, scrittori etc). Veicolare parte delle informazioni della classificazione via un elemento aggiuntivo mi pare apra spiragli a usi strani e poco giustificabili dal punto di vista scientifico di questa caratteristica
- Il tutto potrebbe funzionare (più o meno, vedi punto successivo) all'interno dello "archimista mondo", ma che succede quando si mette il naso fuori dalla porta? Come viene ricostruita la struttura in un export in EAD (che è già presente anche se nascosto e immagino si voglia mantenere e potenziare), come verrebbe ricostruita la struttura in un export verso Siusa o SAS? Si ricreerebbe on the fly l'albero "mostro" tipo

### 1951
#### Categoria I
##### Classe 1
##### Classe 2

se sì allora siamo punto e a capo...
- Non mi pare che il problema di una visualizzazione si risolva, anzi senza ulteriori correttivi in fase di visualizzazione peggiorerebbe: infatti se da un lato dovrei scontrarmi con l'albero mostro dall'altro (quello proposto da questa soluzione) mi dovrei scontrare con la selva di unità... Infatti le mille mila unità (X unità medie per classe moltiplicate le centinaia di classe in gioco) si troverebbero a essere tutte collegate alla serie anno... E in fase di visualizzazione (in archimista, ma anche nei report, nel futuro web etc) che si fa? Si rifiltra e raggruppa tutto attraverso questo nuovo campo aggiuntivo di classificazione?

Ok mi si dirà... per ora hai solo criticato, ma tu cosa proponi?
Ah non lo so io...

Quello che dico è che se la struttura logica è effettivamente

# Comune XXX
## Carteggio dal ... al ...
### 1950
#### Categoria I
##### Classe 1
##### Classe 2
#### ...
#### Categoria XV
##### Classe 1...
### 1951
#### Categoria I
##### Classe 1
##### Classe 2
#### ...
#### Categoria XV
##### Classe 1...
### 1952

etc

se la struttura logica è effettivamente questa ed il problema è "solo" di gestione di albero... beh allora lavorerei più sul creare strumenti che automatizzino la creazione di quest'albero e ne semplifichino la visualizzazione piuttosto che spezzarlo fisicamente in due tronconi (spezzarlo virtualmente, in fase di visualizzazione invece perché no...)
È così che muore la libertà, sotto scroscianti applausi. (Star Wars – La vendetta dei Sith)
svassallo
Socio ANAI
 
Messaggi: 345
Iscritto il: 19/03/2009, 11:08

Re: Riordinare le unità archivistiche

Messaggioda roberto grassi » 04/10/2012, 11:07

Credo che la stragrande maggioranza degli archivi dei Comuni – almeno in Lombardia - sia ordinata secondo le cosiddette “serie annuali”, questo succede grosso modo a partire dai primi anni Cinquanta del Novecento. Il problema non è trascurabile.
Come correttamente indicato dai colleghi, la organizzazione, fisica e logica, di queste partizioni è basata sulla annualità; all’interno di ciascuna di esse la suddivisione ulteriore è data dal sistema di classificazione in vigore, vulgo Astengo, che, se non sbaglio, è articolato in un centinaio di nodi. Se dovessimo dunque rappresentare una simile struttura avremmo una sorta di mostro assai poco efficace.
Pensiamo che una soluzione possibile a questo problema sia limitare la ramificazione del complesso sino alla singola annualità e far “scivolare” l’informazione relativa alla classificazione in un apposito campo della unità archivistica. Questo campo, ora non presente, attingerebbe da una lista simile a quella che compare ora in “importa struttura”.
Questa opzione consentirebbe, in sede di presentazione, di esporre un albero meno ramificato e di salvaguardare comunque la informazione relativa alla classificazione che risiederebbe nella scheda unità.
Un ulteriore vantaggio, in fase di schedatura e poi di riordino, sarebbe dato dal fatto che la assegnazione della classificazione avverrebbe in modo facilitato e controllato, tramite lista, e che questo nuovo campo potrebbe essere utilizzato come chiave per l’ordinamento all’interno della annualità. Non so se mi sono spiegato.
Se ci sono proposte più efficaci o più furbe o più creative credo sia il momento di tirarle fuori.
Erregì
roberto grassi
Socio ANAI
 
Messaggi: 118
Iscritto il: 11/02/2009, 17:38

Prossimo

Torna a Data entry, riordini, revisioni, correzioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron