Colazione #27F fra professionisti indipendenti e precari

Re: Colazione #27F fra professionisti indipendenti e precari

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 15/10/2015, 14:19

Roma, 18 ottobre, ore 10:00 presso Esc (via dei Volsci, 159).

ASSEMBLEA NAZIONALE della “COALIZIONE 27 FEBBRAIO”:
per proseguire la “Carovana dei diritti”, per intensificare ed estendere le relazioni
tra i diversi nodi della Coalizione e per organizzare nuovi eventi e nuove mobilitazioni.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Colazione #27F: primo incontro dopo l'estate

Messaggioda susore » 03/10/2015, 18:33

Ecco il breve resoconto dell'assemblea di sabato 26 settembre a cura di Francesco Raparelli, io purtroppo (in quanto Anai) non ho potuto essere presente:

"...seppur non partecipata da tutti, è stata molto utile. Utile per riprendere il filo, come ci dicevamo, ma anche per cominciare a progettare i passaggi futuri.

Confermata l'esigenza di organizzare un seminario/atto pubblico sulle questioni programmatiche: fisco, ammortizzatori sociali, previdenza. A questi nodi, ne abbiamo aggiunto un quarto: il welfare in senso ampio (sanità, giustizia, patrimonio culturale, formazione). Tematica, va da sé, fortemente intrecciata con la questione fiscale. Obiettivo privilegiato del seminario, però, che abbiamo deciso di collocare nel we 14-15 novembre (a Roma), è quello di intervenire sul dibattito - caro tanto a Sacconi quanto alla CGIL - relativo al nuovo Statuto dei Lavori: come ripensare il tema dei diritti a partire dalla moltiplicazione del lavoro e, soprattutto, dalla centralità del lavoro autonomo?

Per organizzare più nel dettaglio il seminario ci rivedremo il we 17-18 ottobre. Data precisa e orario li decideremo in base alle forme che assumerà la giornata di mobilitazione nazionale sul reddito minimo garantito del 17 ottobre. Intanto avvieremo la scrittura di un testo che entri nel merito degli interventi governativi su regime dei minimi e aliquota previdenziale. Io e Rob, se non ricordo male, prepareremo una prima bozza da discutere in lista e da rendere pubblica quando si farà più caldo il dibattito mediatico. Ancora: riprenderemo nei prossimi giorni contatti con il Ministero del Lavoro per continuare l'interlocuzione avviata a fine giugno. Sotto il MEF, infine, potremmo far convergere il prossimo Speakers' Corner, in combinazione, va da sé, con la campagna comunicativa su fisco, risorse, previdenza.
..
P.s. Abbiamo fatto una discussione molto produttiva anche sul DDL Concorrenza, tema su cui varrà la pena fare mobilitazioni unitarie."


Alla prossima
Susanna Oreffice
susore
Socio ANAI
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 22/11/2012, 12:12

Re: Colazione #27F fra professionisti indipendenti e precari

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 28/09/2015, 12:05

Corsera, blog, di Andrea Dili, 26/09/2015

Esplora il significato del termine: Partite Iva: serve un cambio di marciaPartite Iva: serve un cambio di marcia

A pochi mesi di distanza dall’autogol del Governo sulle partite iva il lavoro autonomo e professionale è nuovamente al centro del dibattito politico. Ci si aspetta, infatti, che il mea culpa recitato a suo tempo dal Presidente Renzi si traduca in azioni organiche e concrete, a cominciare dalla prossima legge di stabilità.

Le questioni sul campo sono molteplici: si va dalla annosa querelle sul modello previdenziale al varo di un regime fiscale semplificato atto a superare l’attuale situazione transitoria, dal riconoscimento effettivo di misure di welfare minimali quali maternità e malattia all’utilizzo del modello societario per lo svolgimento dell’attività professionale, per finire con la questione forse più rilevante dal punto di vista sostanziale e allo stesso tempo meno presente sui media, ovvero l’accesso alle risorse dei fondi strutturali europei.

Se tali fattispecie saranno affrontate e risolte in modo sistematico si determinerà una vera e propria rivoluzione copernicana del comparto professionale italiano, rendendolo realmente “imprenditoriale”, moderno e competitivo.
Per ottenere tale risultato sarà necessaria la medesima determinazione che il Governo ha utilizzato in altri contesti, evitando le soluzioni transitorie e il rinvio di decisioni ormai imprescindibili nel solco della cattiva abitudine del compromesso al ribasso.
...
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Re: Colazione #27F fra professionisti indipendenti e precari

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 28/09/2015, 12:01

“COALIZIONE 27 FEBBRAIO” INCONTRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Presentate le proposte per una previdenza equa e l’estensione universale del welfare

Un altro importante successo – dopo l’incontro con il Presidente INPS Tito Boeri del 24 aprile scorso – per la “Coalizione 27 febbraio”: durante lo Speakers’ Corner del 24 giugno sotto il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, una delegazione è stata ricevuta dal Segretario generale del Ministero Paolo Pennesi e dal responsabile della Segreteria tecnica Bruno Busacca. Un primo incontro interlocutorio, utile a presentare più diffusamente le rivendicazioni raccolte nella Lettera aperta rivolta al Ministro Poletti.
*
Allegati
Logo 27F.JPG
Logo 27F.JPG (32.47 KiB) Osservato 1096 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Colazione #27F fra professionisti indipendenti e precari

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 28/09/2015, 11:56

Da Il Manifesto, 18/03/2015, di Roberto Ciccarelli:

Nasce la “Coa­li­zione 27 feb­braio” tra lavo­ra­tori auto­nomi, pro­fes­sio­ni­sti e pre­cari.
Il 24 aprile mani­fe­sterà alla sede cen­trale dell’Inps a Roma e invierà una let­tera al pre­si­dente Tito Boeri per chie­dere equità fiscale e pre­vi­den­ziale. Nei pros­simi mesi una “Caro­vana dei diritti” toc­cherà tutte le casse pre­vi­den­ziali degli ordini professionali


Oltre a quella di Lan­dini, c’è almeno un’altra coa­li­zione sociale in campo. Si chiama «Coa­li­zione 27 feb­braio» e rac­co­glie la soli­da­rietà intra-professionale tra cate­go­rie come gli avvo­cati (Mga) e i difen­sori di uffi­cio (Adu), i free­lance di Acta, i para­far­ma­ci­sti Fnpi, gli archi­vi­sti di Archim, gli archi­tetti di Iva sei par­tita, il Comi­tato pro­fes­sioni tec­ni­che (Inge­gneri e archi­tetti), i geo­me­tri «Geo­mo­bi­li­tati», Assoar­ching, il Comi­tato per l’Equità fiscale, Inar­cassa Inso­ste­ni­bile e No Cassa Edile. Ci sono gli stu­denti della Rete della Cono­scenza; Stampa Romana, il sin­da­cato dei gior­na­li­sti del Lazio; la coa­li­zione dello «scio­pero sociale», una rete che rac­co­glie atti­vi­sti e cen­tri sociali. Espe­rienze ete­ro­ge­nee che for­mano una coa­li­zione ine­dita nella sto­ria del lavoro indi­pen­dente in Ita­lia: quella tra auto­nomi e pre­cari. Una plu­ra­lità di voci che si sente rap­pre­sen­tata da una parola di uso ormai comune. Tra loro si rico­no­scono in qua­lità di attori di una «soli­da­rietà inter-categoriale e inter-professionale», «uno stru­mento deci­sivo per risol­vere pro­blemi comuni». Una «caro­vana dei diritti» orga­niz­zerà ini­zia­tive davanti alle rispet­tive Casse pre­vi­den­ziali per chie­dere equità sociale e un «nuovo mutualismo».

Il nome della coa­li­zione que­sti auto­nomi e pre­cari lo hanno preso dalla data, il 27 feb­braio, del primo spea­kers’ cor­ner indetto a Roma dalla Mobi­li­ta­zione gene­rale degli avvo­cati (Mga) con­tro l’iniquità fiscale e pre­vi­den­ziale della Cassa Forense Nazio­nale. Insieme, il pros­simo 24 aprile, mani­fe­ste­ranno sotto la sede cen­trale dell’Inps all’Eur a Roma. Scri­ve­ranno una let­tera aperta, e un incon­tro, al neo-presidente Tito Boeri chie­dendo una pre­vi­denza equa, una fisca­lità soste­ni­bile e un wel­fare uni­ver­sale. Tra le riven­di­ca­zioni c’è quella della riforma dell’aliquota della gestione sepa­rata dell’Inps al 24% per auto­nomi ..
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5384
Iscritto il: 25/02/2009, 17:18

Precedente

Torna a Professione archivista

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite