Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 19/02/2016, 16:18

PublicPolicy, di Sonia Rizzi, 19/02/2016

"Il tempo è il vero segreto di Stato in Italia": storia di una direttiva

"Il tempo è il vero segreto di Stato in Italia. Più passa e più le verità si annacquano, più spariscono, più diventano impotenti e meno sono capaci di incidere in un processo democratico di un Paese. Il tempo è il vero segreto che si vuole imporre".

Manlio Milani, presidente dell'associazione dei caduti di piazza della Loggia, in conferenza stampa alla Camera con gli altri rappresentanti dei familiari delle vittime delle stragi italiane, commenta, a due anni di distanza dalla sua approvazione, l'attuazione della cosiddetta "direttiva Renzi", ovvero il provvedimento che ha disposto la declassificazione della documentazione relativa alle stragi degli anni '60, '70 e '80.

Secondo i rappresentanti delle associazioni l'invio dei documenti da parte delle amministrazioni statali coinvolte mostra delle "importanti criticità".

La direttiva Renzi "viene boicottata dalle amministrazioni", ha detto Paolo Bolognesi, deputato Pd e rappresentante delle famiglie delle vittime della strage di Bologna. "La presidenza del Consiglio si dia una mossa se vuole farla funzionare e i ministeri che fanno i furbi la smettano altrimenti si sappia che qui la faccia la perde Renzi".

Anche "il metodo tecnico di 'versamento' dei documenti nell'Archivio di Stato sembra fatto apposta per boicottare la direttiva". Il versamento "è caotico e disorganico". Oltre a Milani e Bolognesi hanno partecipato all'incontro Ilaria Moroni, responsabile della Rete degli archivi per non dimenticare, e Daria Bonfietti, presidente dell'associazione parenti delle vittime della strage di Ustica.

"Siamo stati costretti a fare una conferenza pubblica ...

*
Allegati
Piazza Fontana Milano.JPG
Piazza Fontana Milano.JPG (50.16 KiB) Osservato 335 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 20/01/2016, 16:48

Rainews, 19/01/2016

MONDO LA RUSSIA ESTENDE IL SEGRETO DI STATO SUGLI ARCHIVI DEL KGB FINO AL 2044

KGB.JPG
KGB.JPG (19.82 KiB) Osservato 407 volte
Tutto è iniziato quando gli attivisti di un’associazione chiamata “Squadra 29” hanno lanciato una petizione online per chiedere la desecretazione degli archivi del Kgb, la polizia politica sovietica che, con vari nomi, operò in URSS dal 1917 fino allo scioglimento nel 1991. Forti delle 60mila firme raccolte gli attivisti avevano inoltrato la domanda alla Commissione Governativa russa per la tutela dei segreti dello stato. La risposta non si è fatta attendere e, com’era presumibile, è stata negativa. “Negli archivi del Kgb – scrive la Commissione - ci sono informazioni e dati riguardanti mezzi e metodologie dell’intelligence, spionaggio e controspionaggio, metodi investigativi per la lotta al terrorismo che sono ancora validi e attuali e la loro divulgazione potrebbe nuocere alla sicurezza della Federazione Russa”. Per ovviare a questa possibilità la Commissione ha poi esteso il segreto di Stato sugli archivi fino al 2044. Dunque per altri 30 anni resteranno segreti tutti i dossier sull’intelligence, spionaggio e controspionaggio, sugli informatori del Kgb e sugli agenti che hanno preso parte alle operazioni speciali sul territorio dell’ex URSS e all’estero. Gli attivisti russi comunque non demordono e intendono presentare appello al tribunale nel tentativo di rovesciare la decisione.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 30/12/2015, 15:51

Cronaca&dossier, 29/12/2015

Declassificazione stragi: «Enti rifiutano versamento copie

Associazione familiari vittime delle stragi denunciano il mancato seguito della Direttiva Renzi su declassificazione fascicoli singoli esecutori

Forse è già finita la luna di miele fra Governo e opinione pubblica in merito alla declassificazione dei documenti sulle stragi avvenute in Italia. L’Associazione familiari delle vittime della strage di Bologna denuncia una situazione anomala rispetto alla Direttiva del governo Renzi che aveva applicato la declassificazione della documentazione inerente le stragi italiane tra le più famose: Piazza Fontana a Milano (1969), Gioia Tauro (1970), Peteano (1972), Questura di Milano (1973), Piazza della Loggia a Brescia (1974), Italicus (1974), Ustica (1980), stazione di Bologna (1980), Rapido 904 (1984). Secondo la Direttiva Renzi del 2014 gli Enti che detengono materiale documentale inerente le suddette stragi dovranno versarlo presso gli archivi competenti dando atto ad una vera e propria desecretazione di materiale che comunque, fino a ieri, già in larga parte è stato concesso a giornalisti e magistrati a seconda delle richieste inoltrate.
...

All’Archivio Centrale dello Stato (Roma) si prevede il versamento da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero Economie e Finanze, del Ministero della Difesa e del Ministero dell’Interno. Ma c’è un problema. Tramite un comunicato di Paolo Bolognesi, l’Associazione 2 agosto 1980 fa presente che la Direttiva è stata finora rispettata solo in parte. «Viminale ed Esteri hanno depositato poco ...
*
Allegati
Strage Bologna.JPG
Strage Bologna.JPG (88.42 KiB) Osservato 521 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 24/12/2015, 0:49

Dire.it, 22/12/2015

Stragi, la desecretazione “non va”. I parenti delle vittime meditano una protesta pubblica

BOLOGNA – Il ministro Maria Elena Boschi ha garantito, documentandolo, che nessun apparato dello Stato rema contro la descretazione dei documenti fin qui top secret su stragi e terrorismo. Ma le associazioni dei parenti delle vittime non la pensano così e di recente hanno scritto una lettera al presidente del Consiglio Matteo Renzi in cui esprimono “profonda insoddisfazione” per via i “molti aspetti negativi” della procedura di uscita dai cassetti delle carte.

Già Paolo Bolognesi, presidente dei parenti delle vittime della strage del 2 agosto 1980 a Bologna e deputato Pd, aveva sollevato il caso parlando di desecretazioni a “esiti alterni”: Viminale ed Esteri, ad esempio, “hanno depositato poco e male”, altri ministeri “procedono a rilento”. E poi c’erano altre “numerose criticità”.

...
E ha citato proprio la lettera delle associazioni che denuncia “il rifiuto di alcuni Enti di versare le copie digitali dei documenti” e il mancato deposito di “fascicoli intestati ad esecutori e depistatori delle stragi perchè ‘la direttiva è per episodi e non nominativa’”. E comunque si ribadisce che non ci può essere una preselezione a monte delle carte da rendere pubbliche. Per i parenti delle vittime se ci sono da chiarire parti della direttiva Renzi, questo va fatto, ma il cosiddetto “versamento” delle carte e la possibilità di consultarle, non può essere bloccato o ritardato “con motivazioni “pretestuose”. Su tutte queste questioni i familiari avvertono di non essere più disponibili a “ripensamenti” “passi indietro”, “ritardi”. Altrimenti, appunto, verranno messi ‘in piazza’ con “iniziative pubbliche”.
...
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 23/04/2015, 0:29

Il Sovrintendente dell’Archivio centrale dello Stato,
Eugenio Lo Sardo, ha il piacere di invitare la S. V. alla giornata
dedicata a una riflessione sugli esiti della direttiva stessa.

La Direttiva Renzi e i pubblici segreti.
Documenti declassificati su terrorismo e stragi


Venerdì 8 maggio 2015, ore 10.00, Aula Magna, Archivio centrale dello Stato
coordinamento di Benedetta Tobagi ed Eugenio Lo Sardo.

A un anno dalla direttiva del Presidente del Consiglio Matteo Renzi del 22 aprile 2014,
che ha disposto la declassifica e il versamento della documentazione relativa alle stragi
di piazza Fontana (1969), Gioia Tauro (1970), Peteano (1972), Questura di Milano (1973),
piazza della Loggia – Brescia (1974), Italicus (1974), Ustica (1980), stazione di Bologna (1980),
rapido 904 (1984),

All’incontro parteciperanno le Istituzioni interessate e le Associazioni dei familiari
delle vittime del terrorismo.

I temi in discussione saranno tra l’altro:
quante amministrazioni centrali dello Stato hanno recepito e attuato la direttiva;
come sono stati selezionati i documenti già versati o da versare;
quali tribunali principalmente sono coinvolti dalla direttiva;
quali garanzie hanno i cittadini che il materiale depositato sia completo;
se siano valutati ai fini del versamento anche fatti di terrorismo e stragi che non sono citati
nella direttiva;
se lo spirito del provvedimento investe anche gli archivi di Camera e Senato.

Info
Ufficio di Segreteria del Sovrintendente, Dott.ssa Annalisa Zanuttini, tel.
06 54548568
acs.urp@beniculturali.it
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 22/03/2015, 18:51

Da IlFriuli.it, 20/03/2015:

Cade il segreto di Stato sulla strage di Peteano

Declassificati 64mila documenti relativi agli anni bui del terrorismo


Il Ministero della Difesa ha iniziato nel mese di ottobre le attività di versamento all’Archivio di Stato di oltre 64.000 documenti in applicazione della direttiva della Presidenza del Consiglio dello scorso 22 aprile 2014 che dispone la declassificazione degli atti relativi ai fatti di Ustica, Peteano, Italicus, Piazza Fontana, Piazza della Loggia, Gioia Tauro, stazione di Bologna e Rapido 904.

Attraverso un meticoloso processo di ricerca dei fascicoli in custodia negli archivi delle Forze armate, dell’Arma dei Carabinieri, del Segretariato Generale della Difesa e di tutte le articolazioni del Dicastero, sono stati ricogniti i documenti da versare secondo quanto stabilito dal Governo, agendo in piena trasparenza quale dovere, prima morale e poi giuridico, verso la Nazione.

La maggior parte dei documenti proviene dagli Archivi dell’Arma dei Carabinieri, circa 32.000, e dell’Aeronautica, oltre 30.000. Il numero più rilevante è riferito agli eventi di Peteano e Ustica.

È opportuno sottolineare che una parte consistente dei documenti appartenenti agli archivi del Dicastero restano nella disponibilità dell’Autorità Giudiziaria.
Il Ministero della Difesa, così come le altre amministrazioni dello Stato, sta versando i documenti in suo possesso al fine di dare un contributo importante alla trasparenza e alla memoria storica del Paese.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 27/01/2015, 11:51

A MIX24 di Radio24 del 16/01/2014
Minoli intervista Minniti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega ai servizi segreti.

Il sottosegretario risponde alle domande sulla declassificazione degli atti segretati ed in particolare
sui motivi per cui nella commissione di selezione della documentazione non vi sono archivisti.
Siccome nei documenti ci sono i nomi delle fonti queste sono "il cuore" delle agenzie d'informazione, perciò possono valutarlo
solo coloro che stanno dentro le agenzie d'informazione.
Si tratta di materiale "classificatissimo" [?] che potrebbe riferirsi a persone ancora in vita e potrebbero comportare pericoli.
Ed ancora sostiene che è la più grande operazione di "discovery" di fonti della storia repubblicana.
Giustifica anche la scelta dell'arco cronologico.
Verrà fatta una campagna di informazione su questa operazione.
*
Allegati
Minniti a Radio24.JPG
Minniti a Radio24.JPG (16.58 KiB) Osservato 1365 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 12/12/2014, 15:40

Allegati
Storia stragi.JPG
Storia stragi.JPG (86.13 KiB) Osservato 1482 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 15/10/2014, 0:58

Da il MdA di Ilaria Moroni,

CONTROMAFIE, GLI STATI GENERALI DELL’ANTIMAFIA

Roma, 24/25/26 ottobre 2014

PER GUARDARE OLTRE INSIEME

Tra pochi giorni si aprirà a Roma Contromafie e insieme a Libera abbiamo istituito un gruppo di lavoro “I segreti della Repubblica nelle carte degli archivi italiani” per approfondire il tema della documentazione desecretata. La recente iniziativa della Presidenza del Consiglio di rendere pubblici tutti i documenti riguardanti le stragi compiute nel nostro paese (conservati presso gli archivi dei servizi segreti, delle forze di polizia, dei ministeri, dei tribunali, ecc.) ha suscitato grandi speranze e aspettative che da questa documentazione possa giungere un maggiore contributo alla ricerca della verità. Contestualmente però si pone una questione forse più importante della stessa “desecretazione”: la possibilità di esercitare appieno il diritto di ogni cittadino a conoscere gli atti pubblici contenuti negli archivi ...
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 3839
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: Appello per apertura archivi dei segreti di stato

Messaggioda ANAI Lombardia » 28/09/2014, 18:59

Da Il Tempo.it, 04/09/2014:

Ecco l’archivio dei nostri 007: 27 chilometri di fascicoli e segreti

Ventisette chilometri di carta, una distanza pari a quella tra Roma e Ostia. A tanto ammonta, calcolato in metri lineari, il patrimonio complessivo di documenti e fascicoli presenti all'interno degli archivi dell'intelligence italiana. Una quantità enorme di informazioni su avvenimenti e personaggi che hanno fatto la storia del nostro Paese. Fatti su cui ancora si indaga, fascicoli chiusi e segreti di Stato che sono custoditi nelle viscere dei servizi segreti.
Dodici chilometri cartacei è stato calcolato riposano, da anni, nei sotterranei dell’Aise (ex Sismi) a Forte Braschi. Una decina sono a disposizione dell’ex Sisde, nel fortino di via Lanza mentre il resto è custodito nella palazzina centrale del Dis che coordina tutta l’attività di intelligence e controspionaggio. Una calcolo venuto fuori con la riorganizzazione degli archivi che da novembre, in parte (una minima parte) inizieranno a vedere la lucegrazie alla direttiva firmata dal presidente del Consiglio Matteo Renzi che prevede la declassificazione degli atti finora coperti da segreto di Stato. Dis, Aisi e Aise, infatti, inizieranno il riversamento negli Archivi di Stato ...

*
Allegati
Archivi segreti.JPG
Archivi segreti.JPG (22.76 KiB) Osservato 1761 volte
ANAI Lombardia
Socio ANAI
 
Messaggi: 1008
Iscritto il: 11/02/2009, 19:16
Località: Milano

Prossimo

Torna a Discussioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron