Dagli archivi carcerari sardi un libro sulle colonie penali

Dagli archivi carcerari sardi un libro sulle colonie penali

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 11/02/2017, 13:34

La Nuova Sardega, Sassari, Paolo Curreli, 14/06/2106

Le carte liberate, storia delle Colonie penali

La vita dura nella Cayenna del Mediterraneo in un libro di Gazale e Tedde realizzato anche grazie al lavoro dei detenuti

Imago.JPG
Imago.JPG (31.79 KiB) Osservato 102 volte

SASSARI. Un viaggio nella Cayenna del Mediterraneo: la Sardegna e le sue colonie penali luogo di detenzione durissimo ma anche un progetto illuminato di redenzione attraverso il lavoro. “Le carte liberate. Viaggio negli archivi e nei luoghi delle colonie penali della Sardegna” di Vittorio Gazale e Stefano A. Tedde (Carlo Delfino editore). Con le sue 380 pagine in grande formato e le centinaia di foto storiche è davvero un’opera monumentale su strutture che sono sempre rimaste avvolte dal mistero che ogni muro di carcere (anche quelli all’aperto delle colonie agricole) custodisce. «Queste carte sono state liberate all’interno del progetto che ha visto coinvolti diversi detenuti» spiega Vittorio Gazzale, naturalista ora responsabile dell’Area marina protetta del Parco nazionale dell’Asinara, che è stato per sei anni direttore del parco naturale di Porto Conte, ex colonia penale, di Tramariglio.

«Un progetto basato proprio su quella idea di recupero sociale che si raggiunge attraverso il lavoro. Idea che ha animato spesso tanti direttori illuminati che si sono succeduti nella gestione delle colonie penali sarde – prosegue Gazale –. Il lavoro agricolo rappresentava un modo di espiazione dalle colpe ma anche la maniera di ricostruire la propria autostima. Così i detenuti di oggi, con cui abbiamo lavorato, hanno seguito corsi di archiviazione e hanno ottenuto la patente europea per l’informatica. Hanno visto in questo lavoro l’occasione che nella vita gli era stata sempre negata. La mattina negli scantinati di San Sebastiano e Buoncammino a recuperare e riordinare documenti e la sera il rientro nel carcere. Utile proprio la loro esperienza carceraria per comprendere il linguaggio di divieti, censure e concessioni di cui è fatta la vita dei detenuti».

In Sardegna le colonie penali nascono alla fine dell’Ottocento con l’obiettivo di bonificare e rendere produttivi terreni marginali, isolati, generalmente paludosi e infestati dalla malaria. Ad oggi sono otto le esperienze che possono essere analizzate e raccontate: i due pionieristici esperimenti di San Bartolomeo e Cuguttu ...

*
Allegati
Locandina.JPG
Locandina.JPG (45.24 KiB) Osservato 101 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 4393
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Torna a Pubblicazioni e recensioni opere e testi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron