MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Immagine Feed RSS

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda segreteria ANAI » 06/03/2018, 15:01

COMUNICATO DEL DIRETTIVO ANAI DEL 5 MARZO 2018

ANCORA SUL TEMA DELLE RIPRODUZIONI FOTOGRAFICHE LIBERE

L'Anai, fin dall'approvazione della mozione del Consiglio superiore per i beni culturali del 16 maggio 2016, aveva espresso piena soddisfazione per l'esito del lungo iter che, con la legge 124/2017, ha finalmente reso gratuite e libere da autorizzazione preventiva le fotografie con mezzo proprio in archivi e biblioteche per fini diversi dal lucro, allo scopo di promuovere la ricerca storica venendo incontro ad esigenze fortemente sentite dalla comunità degli studiosi.

La circolare 33 della Direzione Generale Archivi ha regolato gli aspetti applicativi del nuovo regime, predisponendo in particolare un modello autodichiarativo che l'utente è chiamato a sottoscrivere al termine delle riprese con mezzo proprio per dichiarare di aver agito in ossequio alle norme in materia di tutela fisica, diritto alla riservatezza e diritto d'autore.
Giungono alla nostra Associazione, tuttavia, allarmate segnalazioni da parte di studiosi dalle quali si viene a conoscenza che in alcuni istituti vengono ancora poste in essere alcune limitazioni che, nei fatti, continuano a impedire all'utenza di avvalersi del mezzo proprio per le riproduzioni del materiale già concesso in consultazione in via ordinaria.

Condividendo contenuto e spirito del comunicato di "Fotografie libere per i Beni Culturali" del 21/12/2017 e del Coordinamento delle Società Storiche del 19/02/2018, al fine di garantire la più uniforme e corretta applicazione della L. 124/2017, l'Anai auspica, offrendo la propria collaborazione, che si addivenga alla formulazione di linee di indirizzo che disciplinino in modo chiaro e non equivoco la riproduzione con mezzo proprio dei beni archivistici e bibliografici partendo, ad esempio, da esempi virtuosi e da buone pratiche che pure non mancano nel panorama degli istituti di conservazione, così da rendere operativo il principio dell'allineamento tra consultazione e riproduzione sancito dalla citata mozione del Consiglio Superiore Mibact del 16 maggio 2016.

Il sostegno all'attività di ricerca, obiettivo primo della liberalizzazione, concorre a rinsaldare quel vincolo fiduciario che dovrebbe unire utenza e amministrazione, il quale è anche premessa indispensabile per garantire la sopravvivenza nel tempo degli stessi archivi quali centri di promozione attiva del sapere.

Roma, 5 marzo 2018

Il Direttivo nazionale Anai

Scarica il testo del comunicato in pdf
segreteria ANAI
Socio ANAI
 
Messaggi: 124
Iscritto il: 28/07/2009, 11:22

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 20/02/2018, 1:57

SISMED,19/02/2018

Le Società Storiche sulla riproducibilità gratuita, con mezzi propri,
della documentazione e del materiale librario


Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della riproducibilità gratuita, con mezzi propri, della documentazione e del materiale librario, conservato in archivi e biblioteche.


Molti soci ci segnalano una difforme applicazione della normativa relativa alle disposizioni sulla riproducibilità del materiale posseduto negli Archivi di Stato. La richiesta preventiva di autorizzazione e, ancor più, la negazione del permesso di riproduzione con mezzi propri che non stabiliscano contatto con la documentazione da riprodurre, appaiono negare il contenuto stesso della legge approvata il 29 agosto scorso. Ciò appare grave anche in considerazione della conferma data dallo stesso ministro Franceschini in una recente trasmissione televisiva in cui ribadiva la libera riproducibilità anche negli archivi, oltre che nelle biblioteche. Mentre la norma appare rispettata in modo uniforme negli istituti bibliotecari, per ciò che concerne gli Archivi di Stato, si sono riscontrati ostacoli, eccezioni, impedimenti che contrastano con il principio cardine consistente nel fatto che tutto ciò che è consultabile sia riproducibile (nel rispetto, ovviamente, dei mezzi utilizzati e puntualmente indicati dalla legge). Avendo apprezzato pubblicamente quanto disposto dal legislatore, oggi non possiamo che chiedere un’uniforme applicazione della norma e dei principi che essa contiene.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 16/01/2018, 16:33

Archivio di Stato di Siracusa: riproduzioni con mezzo proprio #bestpractices
*
Allegati
due.JPG
due.JPG (60.13 KiB) Osservato 586 volte
uno.JPG
uno.JPG (94.39 KiB) Osservato 586 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 01/01/2018, 21:03

Oggi escono dal #copyright le opere di molti autori morti nel 1947.
*
Allegati
imago81.JPG
imago81.JPG (28.28 KiB) Osservato 722 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 08/12/2017, 1:37

Micromega, 06/12/2017, Mariasole Garacci

Democrazia della cultura

Dal 2014 la libertà di scattare fotografie nei musei è legge, da pochi mesi estesa anche ai beni archivistici e librari rispondendo alle attese degli studiosi di diverse aree umanistiche. Ma per molti non è ancora chiaro che la liberalizzazione delle immagini è una questione democratica, decisiva per il significato che vogliamo dare al concetto di “patrimonio culturale”.
Il 29 agosto è finalmente entrata in vigore l’attesa legge annuale per il mercato e la concorrenza (n. 124/2017) che, riformulando l’art. 108 del codice dei beni culturali (vedere pp. 225-226), introduce il regime di libera riproduzione con mezzi propri del patrimonio delle biblioteche e degli archivi pubblici italiani (art. 1, c. 171).
...
Una differenza che hanno ben presente i più importanti istituti europei e statunitensi come, per citarne alcuni, la New York Public Library, il Getty Reasearch Institute, la Yale University Art Gallery, lo Statens Museum for Kunst di Copenaghen, il Rijksmuseum di Amsterdam, la British Library di Londra, che sempre più stanno aprendo il loro patrimonio al libero accesso in rete, consci dei vantaggi anche promozionali della sua diffusione e condivisione, al punto da ritenere utile investire nella qualità delle riproduzioni digitali di opere, fotografie e libri rese disponibili sui loro siti web. Si pensi, per fare un esempio, al Rijksmuseum: le immagini di pubblico dominio possono essere scaricate dalla pagina dell’opera di interesse a una risoluzione in media di 4500 x 4500 pixel per le immagini jpeg (immagini TIFF ad alta risoluzione possono essere richieste gratuitamente); soltanto per le immagini non ancora digitalizzate viene richiesta una tariffa a copertura del costo di riproduzione. Il museo chiede, nel caso di uso delle immagini in pubblicazioni a stampa, di specificare la fonte e di donare una copia della pubblicazione alla sua biblioteca, e specifica: “L’alta qualità delle immagini è molto importante per il Rijksmuseum. Adeguiamo costantemente i nostri files agli ultimi standard qualitativi, vi invitiamo perciò a richiedere sempre le ultime versioni ed evitare di usare files superati”[1].
...
Nella sua campagna per la liberalizzazione, il movimento “Fotografie libere per i Beni Culturali” ha, in particolare, fatto appello al compito della Repubblica di promuovere e tutelare il diritto alla libera ricerca e manifestazione del pensiero, specificato per quel che riguarda il patrimonio culturale dagli articoli 9 e 33 della nostra Costituzione. Ferma restando la tutela dell’integrità materiale del bene, e il regime di autorizzazione ed eventuale corresponsione di diritti da parte del fruitore in caso di riproduzione per scopi lucrativi ancora valido in Italia, è il caso di insistere sull’importanza della libertà di riproduzione concessa “per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale” (corsivo di chi scrive) stabilito dal nuovo art. 108 comma 3b
...
Allegati
imago51.JPG
imago51.JPG (36.25 KiB) Osservato 880 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 30/10/2017, 11:06

05/10/2017

Accordo ANCI, Istituto per il Credito Sportivo e ALES:
mutui agevolati ai Comuni sui progetti Art Bonus


L’Associazione Nazionale Comuni Italiani, l'Istituto per il Credito Sportivo e ALES hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa che prevede la concessione di mutui fortemente agevolati ai Comuni per il completamento di interventi sui quali sono state aperte raccolte fondi Art Bonus.

Loghi.JPG
Loghi.JPG (20.78 KiB) Osservato 1084 volte

I progetti per i quali è possibile richiedere l’ammissione a contributo devono essere relativi a interventi su beni culturali pubblici di proprietà comunale già destinatari di erogazioni liberali cui spetta il credito d’imposta Art Bonus.

Nell’ambito del Protocollo è previsto per i Comuni un plafond di € 10.000.000,00 di mutui a condizioni vantaggiose, ove il 50% dell’importo massimo complessivo stanziato è riservato all’utilizzo da parte dei piccoli comuni.

Ciascun intervento potrà essere ammesso a fruire delle somme stanziate per un importo massimo di € 500.000,00 sulla base di progetti definitivi regolarmente approvati e provvisti delle necessarie autorizzazioni, e a condizione di aver ottenuto donazioni private con l’Art Bonus per un importo almeno pari al 60% del costo complessivo dell’intervento.
Per finanziamenti di importo superiore, l’ICS si rende disponibile al finanziamento dell’ulteriore quota, senza limite d’importo, ad un tasso d’interesse che sarà determinato definitivamente dall’ICS in sede di stipulazione del mutuo.

Per l’iniziativa è attivo il numero verde 800.298.278 e l’email: prontocomuni@creditosportivo.it
*
Allegati
imago9.JPG
imago9.JPG (29.67 KiB) Osservato 1084 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 25/09/2017, 12:47

Allegati
Imago3.JPG
Imago3.JPG (24.87 KiB) Osservato 1267 volte
Imago1.JPG
Imago1.JPG (41.36 KiB) Osservato 1267 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 22/09/2017, 9:09

Ecco la
lettera del presidente Anci Piero Fassino ai Comuni
relativa alla comunicazione del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, che conferma la possibilità per i visitatori di musei e luoghi di cultura di effettuare riprese fotografiche e digitali, purché senza contatto con l'oggetto della riproduzione e l'impiego di sorgenti luminore.
*
Allegati
Lettera di Fassina.JPG
Lettera di Fassina.JPG (61.34 KiB) Osservato 1316 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 01/09/2017, 14:26

Il blog delle Stelle (M5S), Cecilia Ghibaudi, storico dell’arte e soprintendenza BSAE e Pinacoteca di Brera Milano

#ProgrammaBeniCulturali - Per un nuovo mecenatismo

Lo Stato italiano, si sa, possiede un’enorme quantità di opere d’arte, più di qualsiasi altra nazione, non solo europea. Diffuse su tutto il territorio, nei musei, nelle chiese, nei più piccoli borghi, negli archivi, nelle fototeche, è chiaro che non può, da solo, tutelare questo patrimonio. Ha bisogno di un finanziamento, anche privato. I finanziamenti privati possono essere di due tipi: sponsorizzazioni o opera di mecenatismo.

Le sponsorizzazioni sono la strada caldamente raccomandata dal legislatore nella circolare del 9 giugno 2016 in cui si auspica il potenziamento di un auspicabile sempre maggior utilizzo della sponsorizzazione. Quindi lo Stato preferisce questo tipo di intervento. Come può essere? Può essere o richiesto dalle istituzioni statali o può essere offerto da privati: sia persone fisiche, sia enti o banche. Se è offerto dai privati, questi possono, come dice la circolare: “si ammette l’iniziativa dello sponsor a prescindere da atti di programmazione o preparatori dell’amministrazione”. Quindi vuol dire che è lo sponsor a decidere che cosa far restaurare, in che modo, quale finanziamento e quali operatori scegliere.
...
L’altro tipo di finanziamento è l’Art bonus in cui un privato, sia esso una persona fisica, un ente o una banca, può erogare del danaro a favore della tutela delle opere d’arte. In questo caso si tratta di un atto di mecenatismo in cui il privato non ha scopo di lucro ma può semplicemente detrarre dalle tasse una parte della somma concessa. Nonostante ciò, il problema della sponsorizzazione è molto grave perché rischia di concedere ai privati un ruolo che spetta allo Stato, rischia di trasformare i nostri musei in una specie di luna park dove tutto è possibile purché arrivino dei finanziamenti alle istituzioni pubbliche. Si deve tornare a una programmazione, a una tutela programmata, in modo da concertare con gli sponsor quali interventi, come, dove e con chi. La sponsorizzazione al finanziamento è auspicabile ma bisogna vedere come viene attuato. Purtroppo, in Italia, questo è molto difficile. L’Italia, come diceva Longanesi già nel ’55, alla manutenzione preferisce l’inaugurazione. È esattamente questo che non si vuole. Si vuole tornare a musei che siano luoghi di ricerca, di studio, messi a disposizione del pubblico e della cittadinanza italiana.
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Re: MIBACT: decreto ArtBonus tutela BBCC

Messaggioda Sergio P. Del Bello » 29/08/2017, 14:59

Un grande giorno:
da oggi foto libere in #archivi e #biblioteche.
Importante tradurre in nota @MiBACT la mozione del CS @dariofrance
*
Allegati
Fotolibere in archivio.JPG
Fotolibere in archivio.JPG (29.73 KiB) Osservato 1524 volte
Fotoliberebbcc.JPG
Fotoliberebbcc.JPG (43.67 KiB) Osservato 1524 volte
Sergio P. Del Bello
Amministratore
 
Messaggi: 5143
Iscritto il: 25/02/2009, 18:18

Prossimo

Torna a News ultima ora

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron